Tempo di lettura: 2 minuti

Desenzano del Garda (Brescia) – Storytelling. Narrazione visiva che diviene protagonista. È questo il tema dell’edizione 2017 di ImageNation, che il collettivo internazionale DeFactory presenta nella galleria civica comunale G.B. Bosio dal 15 aprile al 7 maggio.

Frutto di una ricerca durata un intero anno, questa collezione di immagini e di storie si propone di esplorare il linguaggio della fotografia attraverso una selezione chiara e definita, ma non definitiva, del panorama fotografico internazionale.

Oltre ai fotografi italiani, non solo di Desenzano del Garda e dintorni, saranno in mostra le opere di autori da tutto il mondo, molti dei quali vincitori dei premi più prestigiosi al mondo, tra cui Photographer of the Year, National Geographic Photographer,Sony World Photography, Siena Photo Awards, iPhone Photo Awards e tanti altri.

Curata da Martin Vegas, la mostra vede la partecipazione di sessanta fotografi che si distinguono non solo per diversità di origini, scelte tecniche e stilistiche ma anche e soprattutto per la varietà dei messaggi che i loro scatti veicolano, per le emozioni e le storie che si nascondono o viceversa si palesano in ogni singola immagine.

Il collettivo DeFactory, nato a Desenzano nel 2012 e che ora annovera autori di oltre 70 Paesi in cinque continenti, ha recentemente portato il progetto ImageNation anche al di fuori dei confini italiani, a Parigi, dove ritornerà in maggio 2017 con una mostra dedicata alla Street Photography internazionale e poi nuovamente in novembre, nei giorni di Paris Photo 2017.

DeFactory e il Comune di Desenzano del Garda tornano dunque a proporre uno sguardo sull’universo fotografico contemporaneo con “ImageNation 2017: A Visual Storytelling”.

Per il quinto anno consecutivo, ImageNation vuole essere un momento di incontro, un crocevia di fotografi e appassionati, offrendo anche una meditazione sulla natura dell’immagine, in una società contemporanea e digitale che spinge verso direzioni sempre più distanti da ciò che era la fotografia in passato.

Produrre immagini oggi è un processo reso ormai quasi istantaneo e naturale dall’onnipresenza di dispositivi in grado di fotografare e in cui si archivia con una frequenza smisurata rispetto anche alla nostra voglia di ricordare.
La mostra e le attività collegate sono frutto della collaborazione con la Fondazione Alex Dolce.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *