Nell’ambito del Progetto «1000 Cantieri per lo Sport» il Governo e l’Istituto per il Credito Sportivo intendono incentivare gli interventi di manutenzione, ristrutturazione o costruzione ex-novo di impianti sportivi di base. L’Istituto si prefigge di realizzare un minimo di 500 interventi su impianti sportivi di base su tutto il territorio nazionale con un plafond pari a 75.000.000 di euro.

L’intervento è rivolto agli enti locali e ai soggetti privati (società ed associazioni sportive, parrocchie ed enti morali, ecc.) che abbiano la proprietà degli impianti o delle aree su cui devono sorgere gli impianti o ne abbiano la disponibilità per un periodo almeno pari alla durata dell’ammortamento del mutuo sul quale usufruiranno delle agevolazioni richieste.

E previsto un contributo per l’abbattimento totale degli interessi su un mutuo a tasso fisso dell’importo massimo di € 150.000 da contrarre con l’Istituto per il Credito Sportivo e di durata di 15 anni per gli enti locali e di massimo 10 anni per i soggetti privati, fino ad esaurimento delle risorse stanziate. Il progetto o il lotto funzionale sul quale viene richiesto il contributo in conto interessi non deve avere un importo complessivo superiore a 1.000.000 di euro e l’impianto sportivo oggetto d’intervento, per essere considerato “di base”, non deve essere omologato o omologabile per un numero di posti pari o superiore a 500 al coperto o a 2.000 allo scoperto, né essere adibito ad attività sportive professionistiche.

Sono previste delle priorità per interventi su impianti esistenti, totalmente o prevalentemente relativi a lavori di efficientamento energetico, abbattimento barriere architettoniche, adeguamento e messa a norma e bonifica dell’amianto o altre priorità individuate su base regionale.

Le domande si potranno presentare dal 11 maggio 2015 e fino al 15 luglio 2015.