Cremona. Un progetto pilota per l’alternanza scuola lavoro messo in campo dall’Agenzia Servizi Informagiovani in stretta sinergia con il Settore Sviluppo Lavoro del Comune di Cremona per un modello sperimentale di alternanza scuola lavoro che verrà presentato giovedì 28 settembre, alle ore 15, a Cremona nella sede del Polo Tecnologico in via dell’Innovazione Digitale.

Il luogo ben si presta ad accogliere scuole e imprese che possono cogliere nei progetti di alternanza l’opportunità di un percorso di crescita e valorizzazione del capitale umano.

“Il progetto nasce dalla convinzione che per promuovere lo sviluppo economico di un territorio non si possa prescindere  dalla presenza in loco di capitale umano altamente qualificato per tutte le fasce che compongono il sistema del lavoro – dichiara la Vice Sindaco e assessore allo Sviluppo e all’Istruzione Maura Ruggeri –  personale preparato e specializzato, che diventa uno dei fondamentali elementi di attrattività del territorio per il mantenimento e lo sviluppo delle imprese esistenti e motivo di coinvolgimento per nuove realtà imprenditoriali”.

Attraverso la riduzione delle distanze tra il mondo dell’impresa ed il mondo della scuola  – conclude la Vice Sindaco – si possono creare  i presupposti per allineare le competenze e per poter disporre in futuro di risorse umane qualificate, non solo dal punto di vista del saper fare e della conoscenza, ma anche del possesso dei requisiti richiesti dal moderno mondo del lavoro: flessibilità, capacità di risoluzione dei problemi, capacità di relazione, equilibrio”.

Nell’ottica di perseguire questi risultati, sono state prese in esame le esperienze di alternanza scuola lavoro, rese obbligatorie con le disposizioni della Legge 107/2015 (“La Buona Scuola”), come opportunità, già ampiamente collaudate in altri paesi europei, per dare l’avvio ad un progetto sperimentale avanzato costruito in sinergia tra aziende e scuola.

Il progetto può contare sul prezioso contributo del Center for European Trainees (CET), con sede in Esslingen (Stoccarda), che partecipa alla pianificazione e alla attuazione,  avvalendosi della sua lunga esperienza tedesca sul tema. Il CET ha fra i suoi obiettivi principali l’abbassamento della disoccupazione giovanile europea, tramite il superamento del mismatch fra mondo formativo e mondo aziendale tipico dei Paesi sud europei.

Tra i partner di questo innovativo progetto ci sono la Camera di Commercio – Servimpresa di Cremona (a cui viene riconosciuto il ruolo, istituzionalmente assegnato, di coordinamento), l’Ufficio Scolastico Territoriale, la Scuola ed il mondo imprenditoriale.

Per questi ultimi in particolare sottoscriveranno il Protocollo d’intesa che sancisce le sinergie per dare avvio al modello sperimentale, le aziende cremonesi Wonder S.p.A. e Green Oleo srl e l’Istituto di Istruzione Superiore “J. Torriani” che hanno mostrato fin da subito particolare interesse e sensibilità verso un tema così importante.

Il modello, già considerato una buona pratica, sarà presentato a Milano presso la sede di Anci Lombardia – la “Casa dei Comuni” in occasione delle giornate formative e di aggiornamento promosse da Anci Lombardia e dedicate agli operatori Informagiovani.