Tempo di lettura: 3 minuti

Progressiva stabilità per quasi 7 imprese sociali su 10 e un incremento del 17% negli ultimi 3 anni. Inoltre, il 67,5% delle imprese prevede stabilità e il 23% ha un sentiment occupazionale in crescita per il 2020.

E’ la fotografia scattata dal XIII Rapporto dell’Osservatorio Isnet sull’impresa sociale in Italia che dedica un focus alle partnership tra aziende ed imprese sociali.

Lo studio sottolinea che le organizzazioni di inserimento lavorativo che hanno realizzato partnership aziendali, presentano valori di andamento economico e propensione all’innovazione superiori alla media: il 54,5% ha indici di innovazione medio alti, +14,5% rispetto al campione generale; l’84,6% delle imprese ha previsioni di stabilità e crescita economica contro il 76% del campione generale. Oltre alle cooperative di tipo B che hanno avviato relazioni con le aziende, tra le imprese del panel (400 organizzazioni) per il 2020 con i migliori indicatori risultano le cooperative sociali di tipo A di medio-grandi dimensioni.

Rispetto al focus, lo studio rileva che le cooperative di tipo B e A+B che utilizzano convenzioni (ex-art. 14 D.Lgs. 276/2003) previste per l’inserimento lavorativo e per assolvere gli obblighi della Legge 68/99 affidando commesse di lavoro a cooperative sociali di inserimento lavorativo (il 14,9% della porzione di campione di cooperative sociali B e A+B) prevedono una crescita delle risorse inserite del 27,3% (superiore di 4,3 punti percentuali rispetto al campione generale) e una buona dinamicità interna: nessuna di queste organizzazioni dichiara di non aver potuto fare innovazione nell’ultimo anno a causa di resistenze interne al cambiamento (indicatore che pesa l’11,5% nel campione generale).

“Sono dati che confermano l’impatto positivo delle partnership aziendali non solo da un punto di vista economico e occupazionale ma anche per la ricaduta sociale delle collaborazioni. Nonostante questi positivi risvolti sono ancora poche le imprese sociali e le aziende che utilizzano le convenzioni ex art 14. – si legge nel rapporto – Tra le motivazioni, il 52,8 % di cooperative sociali di tipo A+B e B che ha relazioni con le aziende senza l’utilizzo di convenzioni, lamenta la mancanza di relazioni sufficienti con aziende che potrebbero essere interessate, l’8,3% soffre la mancanza di una forza vendita commerciale dedicata, il 22,2% dichiara una scarsa conoscenza”.

Sono dati quindi che suggeriscono l’esistenza di “ampi spazi di miglioramento nell’utilizzo dello strumento legislativo”. La creazione di luoghi di conoscenza e ambiti di lavoro comuni tra le differenti tipologie di imprese, è uno degli obiettivi che emergono dall’indagine.

“E’ un effetto certificato dalle analisi di impatto sociale realizzate negli ultimi 6 mesi, un approfondimento tematico che l’Osservatorio ha sviluppato” spiega Laura Bongiovanni, presidente di Associazione Isnet e Responsabile dell’Osservatorio.

“Si sono verificati percorsi di apprendimento interorganizzativo caratterizzati da relazioni di reciprocità: le aziende imparano l’impegno sociale concreto, restituendo una prospettiva di senso ai lavoratori coinvolti e le imprese sociali crescono in performance ed efficienza organizzativa consolidando una percezione di se che va oltre il valore aggiunto sociale. L’oggettività delle analisi condotte travalica il buonismo di una narrativa sul sociale, e rivela un modello di apprendimento, azienda e impresa sociale insieme, interconnesso e ad elevata innovatività.”

“Le cooperative sociali – ha sottolineato Alessandro Messina, direttore generale di Banca Etica – confermano di essere imprese efficaci ed efficienti nell’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e nella capacità di resistere e crescere anche nei periodi di stagnazione o recessione economica. Banca Etica ha sempre dedicato grande attenzione al finanziamento delle cooperative sociali, cui è destinato circa il 30% dei crediti accordati. Per migliorare ancora la qualità della collaborazione stiamo studiando modelli innovativi di valutazione dell’impatto socio-ambientale che si trasformano in un asset strategico per le stesse cooperative finanziate”.

 

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *