Tempo di lettura: 2 minuti

di Paola Zani, in missione in America Latina con Cassa Padana
E’ la prima volta che partecipo ad una missione in America Latina. Ne avevo tanto sentito parlare e ora essere qui, vivere questa esperienza, non mi sembra vero. Leggere gli articoli fatti da altri o farsi raccontare le emozioni non è come viverle, non senti e non percepisci il calore umano che questa gente ci sta trasmettendo. E’ lunedì 3 marzo, sono a 12.000 km di distanza e mi sembra di essere a casa…..già questa sensazione è straordinaria!

Ma facciamo qualche passo indietro e cominciamo dall’inizio dell’avventura. Non nascondo che le 13 ore di viaggio mi agitavano un po’…anche se cercavo di mascherarlo e forse ci sono pure riuscita. Al momento dell’imbarco il mio primo pensiero è stato “chi saranno i miei compagni di viaggio?” Il numero di posto mi faceva intuire che ero centrale…mi sono ritrovata fra una signora argentina e Suor Rita. Chi mi conosce stenterà a crederlo, ma dopo esattamente 2 minuti stavo già chiacchierando! La suora mi ha raccontato che è in missione in America Latina da ben 35 anni, pensate che il primo viaggio l’ha fatto in nave…18 giorni di navigazione.

Dovevate vederla e sentirla, all’apparenza così fragile ma con una forza interiore e un’esperienza umana che mi hanno incantato a sentirla raccontare i tanti aneddoti vissuti, ora e’ diretta in in missione in Paraguay. Dopo la cena mi sono addormentata subito nonostante le turbolenze fra Africa e Oceano Atlantico: la suora stava pregando per tutti noi!

Arrivati nella Capital Federal sono iniziati gli incontri istituzionali, un programma denso di appuntamenti e ricco di emozioni. Vorrei soffermarmi su uno in particolare: quello di mercoledi. Siamo a Rosario, sto scrivendo “appollaiata” sul poggiolo del sedile per non perdere nemmeno un’immagine del paesaggio che mi scorre davanti mentre ci dirigiamo alla fiera agricola ad Armstrong che dicono essere la più grande del mondo.

Stamattina abbiamo incontrato uno dei gruppi interessati a creare una Cassa di Credito Cooperativo, alla sede della Federazione de Gramal di Commercio Estero di Rosario in cui oltre alle presentazioni ufficiali istituzionali e di un’altra BCC e’ stato il turno di Cassa Padana.  Letizia, Elisabetta e Carina hanno raccontato chi siamo e che cosa facciamo. Forse potrete pensare che mi trovo in deriva di solidarieta’ femminile ma vi posso confermare che e’ stato (e non solo a mio avviso…) uno dei momenti piu’ emozionanti fino ad ora!

Oltre alla professionalita’ indubbia e alla preparazione sulla materia, hanno saputo parlare col cuore e hanno trasmesso la passione e la determinazione che ha permesso oggi, come 6 anni fa in Ecuador, di vedere concretizzato un progetto ambizioso, esempio di mutualita internazionale che ha saputo coinvolgere ancora una volta la coopeazione italiana e gli Istituti Centrali di Credito. Siamo già (o solo…) a mercoledì e credo che questa esperienza mi regalerà altri momenti indimenticabili!!!

CONDIVIDI
Elisabetta Berto
Mantovana d'origine, cittadina del mondo per necessitá. Dopo gli studi a Milano intraprende un personale percorso di approfondimento della finanza per lo sviluppo che la porta prima in Kosovo, poi in Ecuador e, infine, in Argentina. Lí ritrova se stessa. Adora i tortelli di zucca, non può fare a meno del canto e dello spagnolo. Calvino il primo amore, Borges un compagno per la vita. Colore preferito: rouge d'Armani 400.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *