Tempo di lettura: 2 minuti

Mantova – Due giorni di biciclettate per scoprire il paesaggio delle terre mantovane di Matilde di Canossa, in un percorso volto ad esplorare passato e presente del patrimonio materiale e immateriale che abita i luoghi legati alla memoria della contessa.

programmma 19 settembre:

Ci si dirige in bicicletta verso San Benedetto Po, in un percorso di circa 15 chilometri fino al Caseificio San Martino, per esplorare concretamente uno dei luoghi di produzione del parmigiano reggiano, autentica eccellenza anche mantovana che esalta un connubio di storia e tradizione. Si pedala lungo l’argine verso Gorgo con l’accompagnamento del canto degli usignoli.

La strada rettilinea sparisce per disegnare un percorso che sembra assecondare il corso del grande fiume. Il ristorante «La Baracca» rappresenta una sosta ideale per nutrire non solo il corpo (fritto misto il loro piatto forte).

Appena un piccolo spazio dedicato al riposo e si ri-pedala verso l’Azienda Agricola Rossi, per una speciale visita a una fattoria modello, per comprendere il tessuto produttivo della realtà locale, per riflettere sulle eccellenze di questo territorio, eccellenze frutto di impegno e di passione che legano aziende, persone e comunità.

La visita prosegue all’interno del Museo Polironiano di San Benedetto Po, alla scoperta di un percorso matildico allestito appositamente a rammentarne il novecentenario della morte. Ed ancora sorprese riserva la giornata perché ora ci si imbarca.

Si ritornerà poi a Pieve di Coriano sulla Motonave Cicogna, allietati dalla musica dal vivo: una minicrociera ideale per gli amanti dell’ecosistema fluviale che al calar del sole offre spettacoli di natura veramente suggestivi.

programma 20 settembre

Il ritrovo è sempre a Pieve di Coriano, davanti alla parrocchiale dell’Assunta. Da qui si parte alla volta di Bonizzo di Borgofranco sul Po, un piccolo centro abitato posto nel cuore della Valle del Tartufo Mantovano. La sua notorietà è oggi legata al preziosissimo e profumatissimo tartufo bianco (Tuber magnatum pico) e al TRU.MU ovvero il «Truffle Museum – Museo del Tartufo» che visiteremo. Ci aspetta ora la Chiesa di Santa Croce in Lagurano, a Sermide.

Il percorso lungo l’immenso geroglifico della «fiuma», di un Po le cui acque sono costantemente sottoposte al governo degli uomini, ci porta a Felonica. Immediata e dovuta la visita alla pieve di Santa Maria Assunta, un bell’esempio di tardo romanico. Ci attende ora la Festa del Tartufo Mantovano, per assaporare le prelibatezze di pietanze esaltate dal pregiatissimo tubero che nasce sulle sponde del Po.

Sarà poi Simone Guidorzi ad intrattenere in una visita guidata al museo della Seconda Guerra Mondiale del Fiume Po, luogo di memoria degli eventi bellici che si susseguirono nei territori prossimi al grande fiume nel corso del secondo conflitto mondiale.

Alle 16,30 ci si imbarca sulla Motonave Cicogna, in crociera sul fiume Po per far ritorno a Pieve di Coriano. A bordo le note meditative che sbocciano dall’arpa celtica di Valerio Mauro attenuano la nostalgia per una giornata indimenticabile che inevitabilmente ora volge lentamente al termine, regalando però scorci di paesaggio straordinari.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *