Tempo di lettura: 2 minuti

Fidenza (Parma) – La mountain bike offre un modo diverso e piacevole per fare escursionismo e vivere la montagna, aprendo nuove affascinanti prospettive. In mountain bike si può percorrere, conoscere ed apprezzare quella vasta rete di viabilità storica costituita dai sentieri intervallivi, mulattiere, strade militare alpine: un patrimonio storico e culturale unico nel suo genere.

Per coloro che si avvicinano per la prima volta a questa pratica, è importante imparare a frequentare la montagna nella consapevolezza e nel rispetto del territorio che si attraversa e degli altri fruitori dei sentieri. Infatti, chi impara a conoscere i luoghi che frequenta è più facile che ne diventi un paladino e un rispettoso ospite, per poter consegnare, un giorno, ai propri figli la stessa ricchezza e benessere di cui oggi godiamo noi.

Seguendo questa filosofia e per avvicinare le persone al cicloescursionismo in mtb, la sottosezione di Fidenza del CAI di Parma propone un ciclo di serate gratuite aperte a tutti. La presentazione si è tenuta martedì 17 gennaio, alle 21.00, presso il Palasport di Via Togliatti 41 a Fidenza, in occasione della presentazione delle serate di avvicinamento alla montagna.

La prima serata dedicata al cicloescursionismo si tiene martedì 2 febbraio, presso la sala civica Taddei, in Via Leopardi 2 e sarà utile per fornire un quadro generale sul cicloescorsionismo. Nei successivi incontri – sono dodici in totale – si entrerà nel dettaglio, partendo dall’abbigliamento e all’alimentazione, per approfondire le tecniche di guide e dare consigli utili per le riparazioni. Non mancheranno serate di approfondimento generale dedicate alla meteorologia, all’orientamento e a nozioni di pronto soccorso. Un programma completo che permette a coloro che lo frequentano di poter salire in sella in tutta sicurezza.

A completamento, sono organizzate uscite in mtb sui colli fidentini e salsesi; della durata di mezza giornata, saranno a difficoltà crescente, per avvicinare gradualmente i partecipanti a questo sport.

CONDIVIDI
Daniela Iazzi
Cremonese di origine, studentessa a Milano e residente a Fidenza. Frequenta la Bocconi e si specializza in Arte, cultura e comunicazione. Lavora dal 2005 presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *