Tempo di lettura: 2 minuti

Rezzato, Brescia. Spostarsi sulla terra, in cielo, sull’acqua o con la fantasia nei disegni dal 23 settembre al 27 maggio del prossimo anno, una mostra di opere di piccoli artisti da tutto il Mondo, della raccolta museale PInAC, saranno esposti per viaggiare nel tempo e nello spazio e con la fantasia.

La sala di via Disciplina della PInAC apre le porte a In viaggio, un’esposizione che esplora il tema del viaggio attraverso un variopinto alternarsi di partenze, spostamenti, viaggi reali e metaforici raccontati dai disegni dei bambini.

In viaggio vede rappresentati i diversi mezzi di trasporto come possibilità di spostarsi nella realtà, sia per viaggi di piacere che per la necessità di migrare per la guerra o per le cattive condizioni sociali ed economiche.

I disegni spaziano inoltre, attraverso la metafora, anche nei viaggi della fantasia, nelle fiabe e leggende e nelle emozioni dell’animo umano. Il punto di partenza è la Raccolta museale che in questo modo consente di far conoscere lo sviluppo del processo creativo trasversale a culture diverse e affinare la sensibilità per la comprensione dell’opera d’arte.

Durante la mostra la Fondazione PInAC, darà il via alla programmazione annuale di iniziative culturali e di proposte artistico-espressive rivolte alla cittadinanza, alle famiglie e alle scuole di ogni ordine e grado del territorio.

La mostra si compone di 51 opere grafico pittoriche realizzate da bambini e ragazzi dai 3 ai 15 anni dagli anni Sessanta del secolo scorso ai giorni nostri e di 4 cortometraggi realizzati con gruppi di bambini e bambine, in PInAC, a scuola e in ospedale.

Se il linguaggio pittorico è matrice comune delle opere esposte, le lingue degli autori rimandano a diverse e lontane parti del mondo: dalle molte regioni d’Italia a tre Paesi africani, dal Perù al Giappone, dagli Stati Uniti d’America

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *