Brescia. La missione di umanitaria in Palestina dell’associazione di Amicizia Italia – Palestina si è riassunta in un libro che verrà presentato venerdì 27 febbraio alle ore 20.30 alla “Cascina parco Gallo” in via Corfù 100 a Brescia. La presentazione del libro sarà accompagnata dalla proiezione di “Immagini di una missione” DVD che troverete in allegato al libro.

Nel libro ci sono anche le emozioni, i pericoli, le paure e le ansie; tutti i sentimenti che solo la parola “guerra” fammi riecheggiare nell’animo, poi i ricordi dei visi della gente che subisce l’orrore. Il libro “Inchallah Bukra Maalesh. Diario di una missione” racconta, giorno dopo giorno, le difficoltà incontrate dallo staff di missione per raggiungere Gaza distrutta dall’operazione militare Protective Edge. Music for Peace è stata il primo convoglio umanitario italiano ad entrare in Striscia di Gaza in seguito al recente conflitto. Rappresenta anche il modo migliore per avere un riscontro, per conoscere in maniera diretta e non filtrata, ciò che è successo a Gaza tra l’8 Luglio e il 26 Agosto 2014, di cosa vuol dire nascere e vivere a Gaza, in Palestina.palestina

Due ambulanze e sette container carichi di generi di prima necessità sono stati distribuiti alla popolazione civile, personalmente dai volontari dell’associazione. La missione era seguita dopo la raccolta di farmaci della scorsa estate per Gaza, lanciata dall’associazione di Amicizia Italia-Palestina.

Partito dal porto di Genova lo scorso settembre, il convoglio con 120 tonnellate di viveri, medicinali e materiale paramedico, più due ambulanze, allestito dall’associazione genovese Music for Peace, Creativi della notte, era arrivato a destinazione dopo un lungo viaggio ostacolato da una infinita serie di problemi. Era il primo convoglio italiano di aiuti umanitari entrato a Gaza dall’inizio dell’ultima offensiva israeliana, l’operazione “Scudo Protettivo”, due mesi di bombardamenti che hanno ridotto in macerie la gran parte dei centri abitati e messo in ginocchio gli ospedali del territorio palestinese. Il viaggio è stata un’odissea di quasi due mesi per raggiungere la destinazione, ripagata dalle tenacia dei volontari che alla fine sono riusciti a portare a termine l’avventura umanitaria. Ora quelle emozioni sono raccolte in un libro.music for peace

Music for Peace è un progetto dei Creativi della Notte, nato da un gruppo di DJ e PR al fine di organizzare eventi per divertire, divertirsi e creare un canale comunicativo per i giovani. Nel 1994 nasce l’organizzazione Creativi della notte Music for Peace. L’obbiettivo è quello di utilizzare la discoteca e lo svago anche come momenti di riflessione e di impegno concreto. Dalle idee all’azione il passo è breve e si da inizio alle raccolte di generi di prima necessità. Partono le prime missioni umanitarie: Bosnia, Kossovo, Afghanistan e Palesina.

La mission è sensibilizzare l’opinione pubblica e i giovani in particolare, sui problemi che affliggono il mondo. S’intende così offrire uno spunto di riflessione sulla possibilità di operare grandi cambiamenti attraverso una “rivoluzione pacifica” del pensiero. Diffondere una culture di pace, uguaglianza tra i popoli e concreta solidarietà a favore delle popolazioni disagiate.