Brescia – Nell’ambito dell’iniziativa denominata “Caffè e chiacchiere”, l’associazione “Arnaldo da Brescia”, promuove una serie di appuntamenti culturali, ad ingresso libero e gratuito, che, nel capoluogo bresciano, attengono alla proposta di una serie di incontri monografici, riguardanti i più disparati contenuti plurali.
Incontri settimanali, calendarizzati alle ore 18 dei rispettivi mercoledì circostanziati a Brescia, nella sala del Romanino, al civico 4 di vicolo delle Stelle, coincidente con la sede dell’Associazione Artisti Bresciani, quale locale sodalizio degli appassionati d’arte che ha inteso ospitare questo ciclo di conferenze, organizzate per la cura di Sandra Morelli.

La composita manifestazione, iniziata con l’avvio del 2016 attraverso l’avvicendarsi delle trattazioni di Silvio Ferraglio e di Georg Duhr, rispettivamente relatori, nel mese di gennaio, delle tematiche riguardanti “Non solo streghe: le altre vittime dell’inquisizione a Brescia tra XVI e XVII secolo” e “Panoramica a Palazzo Martinengo: due secoli di vedute veneziane / Digressione sugli artisti veneziani a Brescia”, riserva, invece, per mercoledì 10 febbraio la presentazione del volume di Giovanni Quaresmini, intitolato “La Rondinella del Garda”, racconto illustrato con gli acquerelli dell’artista finlandese Simo Nygren, secondo la pubblicazione edita dalla “Compagnia della Stampa” e per il mercoledì successivo, 17 febbraio, la disamina del tema connesso a “Giovanni Ligasacchi, una vita per la musica” con Rosa Messori Ligasacchi, nel ruolo di relatrice.

arnaldo associazione brescianaAnalogamente, anche marzo svela, per quest’iniziativa, il periodare dei propri giorni contraddistinti da due diverse presentazioni, dedicate a quei recenti lavori editoriali che sono divulgati nell’ambito di un paio di appuntamenti. Per quanto riguarda il 16 marzo, il programma è riconducibile all’opera inerente “L’oratorio della disciplina di Orzivecchi”, pure realizzato dalla “Compagnia della Stampa”, nella fattispecie di un libro a firma di Giuseppe Busetti, mentre per ciò che concerne il 23 marzo, l’itinerario degli incontri ha serbo, invece, la presentazione del volume “Viaggio in Serbia”, pubblicato per la “Marco Serra Tarantola Editore” da chi, in tale circostanza, è previsto intervenga in sala anche nel ruolo di relatore, nella figura di Agostino Mantovani.

Nel taglio, invece, di una conversazione a due voci, è in calendario, per mercoledì 13 aprile, l’evento riservato alla presentazione del libro “Il giudice Albertano e il caso dei colori assassini”, disponibile per “Liberedizioni”, nel quadro dei pronunciamenti attesi, nel merito, da parte dell’autore Enrico Giustacchini e dal giornalista Marcello Zane.

Ormai assestati nella subentrata primavera, gli appuntamenti, poi, a seguire, sono contemplati in relazione alla trattazione da parte dell’arch. Dezio Paoletti a proposito del libro da lui scritto, in sinergia con la “Fondazione Civiltà Bresciana” di mons. Antonio Fappani, dal titolo “Paesaggio e architetture rurali del territorio bresciano” che è previsto sia sviscerato al pubblico, convenuto a questo incontro, anche per il tramite delle domande poste all’autore dallo storico dell’arte Silvio Ferraglio.

Lo psicologo Efrem Sabatti, autore del testo “E’ più facile di quel che credi, come cambiare prospettive e trovare soluzioni ai problemi quotidiani”, pubblicato nel taglio divulgativo del volume disponibile per le “Tecniche nuove”, è il relatore dell’incontro di mercoledì 11 maggio, mentre a conclusione delle conferenze, la manifestazione coincide con quanto messo in programma mediante l’argomento legato a “La chiesa della Madonna di Lourdes e il Neogotico bresciano”, in riferimento al quale è previsto un qualificato pronunciamento attinente dall’arch. Piero Galli.

In allegato il programma nel dettaglio.