Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Un incontro molto atteso quello in calendario giovedì 16 novembre. E non poteva essere altrimenti, dopo il grande successo dell’edizione 2017 di Librixia, un fuori-evento con Gianrico Carofiglio e il suo ultimo libro “Le tre del mattino”, edito da Einaudi.

Il popolare scrittore sarà ospite il 16 novembre alle 18.30 nel Salone Vanvitelliano di Palazzo Loggia in un appuntamento pubblico e gratuito fino ad esaurimento posti che verrà introdotto da Eugenio Massetti, presidente Ancos e di Confartigianato Brescia e Lombardia e moderato da Carlo Piccinato, segretario generale di Confartigianato Brescia. Dopo i tanti i volti noti presenti a Librixia 2017 ora Gianrico Carofiglio che con il suo ultimo romanzo è costantemente ai vertici delle classifiche di vendita e gradimento del pubblico.

Nel libro “Le tre del mattino” Carofiglio parla del confronto tra padre e figlio e dell’incontro che li cambierà per sempre. Antonio è un liceale solitario e risentito, suo padre un matematico dal passato brillante: i rapporti fra i due non sono mai stati facili. Un pomeriggio di giugno dei primi anni Ottanta atterrano a Marsiglia, dove una serie di circostanze inattese li costringerà a trascorrere insieme due giorni e due notti senza sonno. È così che il ragazzo e l’uomo si conoscono davvero, per la prima volta.

Si specchiano l’uno nell’altro e si misurano con la figura della madre ed ex moglie, donna bellissima ed elusiva. La loro sarà una corsa turbinosa, a tratti allucinata a tratti allegra, fra quartieri malfamati, spettacolari paesaggi di mare, luoghi nascosti e popolati da creature notturne.

Gianrico Carofiglio (Bari, 30 maggio 1961) ha scritto racconti, romanzi e saggi. Sempre in vetta alle classifiche dei best seller, i suoi libri sono tradotti in tutto il mondo. Ha inventato il popolarissimo personaggio dell’avvocato Guido Guerrieri, da cui è stata dedicata una serie televisiva di successo. Per Einaudi ha scritto il racconto La doppia vita di Natalia Blum raccolto nell’antologia Crimini italiani, Cocaina, con Massimo Carlotto e Giancarlo De Cataldo (Stile libero 2013), Una mutevole verità (Stile libero 2014), La regola dell’equilibrio (Stile Libero 2014 e Super ET 2016), Passeggeri notturni (Stile Libero 2016) e L’estate fredda (Stile Libero 2016). Ha ottenuto il Premio Speciale alla carriera della XXVII edizione del premio letterario Castelfiorentino di Poesia e Narrativa 2016.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *