Tempo di lettura: 3 minuti

Parma e alcuni comuni della sua provincia accolgono, dal 19 giugno al 31 luglio e una seconda parte a settembre, la terza edizione di “Intersezioni – Incroci di arti performative & next generation” la rassegna di danza contemporanea a cura di Artemis Danza, diretta da Monica Casadei con 8 appuntamenti, 17 compagnie, 25 coreografi provenienti da Italia e Francia.

Oltre che la città i comuni della  provincia sono: Collecchio, Salsomaggiore, Medesano, Noceto, Fornovo.  La seconda parte prevista a settembre, realizzata con il contributo di Fondazione Cariparma e Next Generation/Parma, con il sostegno del Comune di Parma e la collaborazione di comuni e realtà culturali del territorio.

Novità di questa edizione è la Next Generation/Parma pensata per portare in città gli appuntamenti che prima si tenevano principalmente in provincia. 17 le compagnie professioniste, alcune storiche e altre di recente formazione, provenienti da tutta Italia e dalla Francia, 25 i coreografi che compongono il programma variegato della rassegna costituita da 8 appuntamenti disseminati in luoghi storici e artistici, dove si potranno incontrare artisti molto diversi tra loro per sensibilità, estetica e corporeità.

Ogni serata proporrà brevi coreografie di autori sia emergenti che affermati, che indagheranno con il linguaggio del corpo, in una contaminazione costante di danza, circo, video, musica dal vivo, arti visive, la condizione umana, le relazioni, la memoria e tanti altri temi che appartengono a ognuno di noi.

Il programma:

Domenica 19 giugno, ore 18.30 Collecchio – Antica Corte di Giarola. Night Wolves di Naturalis Labor, coreografia Luciano Padovani. Zatò e Ychì di ASMED – Balletto di Sardegna, coreografie Valeria Russo, Lucas Monteiro Delfino. M3 di Rodan Project, coreografia Camilla Negri

Domenica 26 giugno, ore 21.30  Salsomaggiore – Arena Estiva Parco Mazzini. In collaborazione con Teatro Nuovo di Salsomaggiore Circus di Artemis Danza, coreografia Monica Casadei. Visioni Pasoliniane – proiezioni di videodanza a bordo del Cinemino Itinerante

Mercoledì 29 giugno, ore 21.30 Parma – Museo Cinese. In collaborazione con Museo di Arte Cinese ed Etnografica  Microdanze di Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto, Eppur si muove, coreografia Francesca Lattuada, Pensieri di carta, coreografia Hélias Tur-Dorvault, The Wound/Archive of Western Images, coreografia Pietro Marullo, STRÔMA, coreografia Giovanni Insaudo, TOMOE DAIKO Esibizione Tamburi Giapponesi Taiko

Sabato 2 luglio, ore 18.30 Medesano – La Caplèra In collaborazione con Ass. Cult. La Caplèra Romanza, Le Jardin di Twain, coreografia Loredana Parrella, M-ETA-MORFOSI di Artemis Danza, coreografia Christian Pellino, Amabili Resti di Compagnia degli Istanti, coreografia Françoise Parlanti

Domenica 3 luglio, ore 21.30 Parma, Arena Estiva Teatro al Parco. In collaborazione con Fondazione Solares delle Arti Paesaggio d’interni / azione danzata di Balletto Civile, coreografia Michela Lucenti, Chenapan di Cie MF, coreografia Francesco Colaleo e Maxime Freixas, Prologo di Orgia/Nessuno Parlava di Artemis Danza, coreografia Costanza Leporatti

Giovedì 7 luglio, ore 21.30 Parma, Cortile della Casa nel Parco . In collaborazione con Ass. Culturale L.O.F.T. nell’ambito della rassegna “Sul Naviglio” So close so far di Fattoria Vittadini, coreografia Chiara Ameglio e Pieradolfo Ciulli, Momento di Zerogrammi, coreografia Stefano Mazzotta, Alfa (studio1) di Artemis Danza, coreografia Jessica D’Angelo

Sabato 9 luglio, ore 18.30 Noceto, Castello della Musica. In collaborazione con Comune di Noceto e Castello della Musica Kurup di Cornelia, coreografia Nicolas Grimaldi Capitello You di Altra Danza, coreografia Simona Curtignelli e Mino Viesti, GIVE di Atzewi Danza Company, coreografia Alex Atzewi Esibizione danza aerea a cura di NDC

Domenica 31 luglio, ore 18.30 –  Speciale bambini Fornovo Taro, Piazza Matteotti In collaborazione con Comune di Fornovo Taro Io, Pinocchio di ASMED-Balletto di Sardegna, coreografia Sara Pischedda, Soffi d’aria di Artemis Danza-Compagnia Madame Rebiné, coreografia Silvia Di Stazio