Tempo di lettura: 1 minuto

Casalmaggiore, Cremona. Libri, poesie e storie che diventano gioielli, indossare parole preziose, è l’essenza della mostra dal 17 giugno al 30 luglio al Museo del Bijou di Casalmaggiore. Inaugurazione sabato 17 giugno ore 18.

Le sale ospitano 41 gioielli inediti riuniti nella mostra “Ridefinire il Gioiello”: un omaggio alle parole preziose di libri che ci hanno cambiato la vita. Un sorprendente percorso espositivo che metterà in scena gioielli contemporanei, o meglio, piccoli libri d’artista indossabili, ove ogni parola diventa materia preziosa che incanta e meraviglia.

Ridefinire il Gioiello, nato nel 2010 da un’idea dalla curatrice Sonia Patrizia Catena, negli anni è diventato un punto di riferimento nella sperimentazione materica sul gioiello d’arte. Un progetto che ha coinvolto più di 2.000 creativi con l’obiettivo di intercettare e stimolare il fermento creativo del gioiello contemporaneo dando vita ad un circuito sinergico e in continuo movimento.

In questa particolare occasione, il conservatore del Museo del Bijou, premierà un designer con un punto espositivo dedicato. Un premio importante conferito da un museo, unico in Italia, nato più di Trent’anni fa e che conserva e valorizza oltre 20 mila pezzi fra oggetti d’ornamento e accessori prodotti dalle industrie locali fra fine ‘800 e il 1970.

A cornice di Ridefinire il Gioiello la mostra “Libridi” dell’artista Chió. Dieci sculture raccontano come un libro sa sempre diventare altro, sa ispirare gioielli letterari, portandoci ad associazioni inimmaginabili e, nel caso dei Libridi, diventa supporto per opere poetiche. Come sostiene la scultrice milanese “un libro non è solo un insieme di carta e parole“.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *