Tempo di lettura: < 1 minuto

Parte con 26 milioni di euro il bando dedicato a sostenere i processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese.

L’intervento prevede la concessione di un voucher per la consulenza di un export manager, scelto in un apposito elenco del Ministero, per attività di analisi e ricerche di mercato, individuazione e acquisizione di nuovi clienti, assistenza legale, organizzativa, contrattuale e fiscale e di trasferimento di competenze specialistiche in materia di internazionalizzazione d’impresa.

Sono previste due differenti tipologie di voucher a seconda dell’importo e della durata del contratto:

  • “voucher early stage” di importo pari a 10 mila euro, a fronte di un contratto pari almeno a 13 mila euro con una durata minima di 6 mesi.
  • “voucher advanced stage” di importo pari a 15 mila euro, a fronte di un contratto pari almeno a 25 mila euro con una durata minima di 12 mesi.

In quest’ultimo caso è inoltre prevista la possibilità di ottenere un contributo aggiuntivo pari a 15 mila euro a fronte del raggiungimento di alcuni obiettivi in termini di volumi di vendita all’estero.

L’invito è aperto alle micro, piccole e medie imprese e alle Reti di imprese tra PMI, che abbiano conseguito un fatturato minimo di 500mila euro con riferimento all’ultimo esercizio contabile chiuso.

Lo sportello per le imprese resterà aperto dal 28 novembre fino al 1° dicembre 2017, salvo esaurimento fondi.