Verona – Il 22, 23 e 24 gennaio torna l’appuntamento con la rassegna Inverno in Cantina (patrocinata dal Comune di Verona) si propone la consolidata formula dei tre spettacoli: venerdì sera teatro, sabato sera musica e la domenica pomeriggio teatro ragazzi.

 La sera del 22 gennaio la Cantina Shakespeare Spazio Teatrale Off ospita BAM!BAM!Teatro con DIARIO DI UN MAMMIFERO: SATIE. In collaborazione con il conservatorio Felice dall’Abaco di Verona. Con Lorenzo Bassotto. Scritto da Lorenzo Bassotto e Barbara Rigon. Costumi di Antonia Munaretti. Scene di Roberto Macchi. Musiche suonate dal vivo da Davide Pigozzi

IMG_9464Quattromila bigliettini sparsi ritrovati dopo la sua morte, pieni di folgoranti intuizioni, commenti, citazioni, pensieri di Messieur le Pauvre, come veniva chiamato Erik Satie. Quattromila bigliettini e sette ombrelli nuovi, ancora incelofanati. Tenuti così anche sotto la pioggia perché non si rovinassero. Autore riscoperto da John Cage e rivisitato da Brian Eno viene considera una sorta di maestro della musica minimalista. “Signore, lei non è che un culo, ma un culo senza musica” scrisse ad un critico poco dotato e non era più docile con gli amici Debussy e Cocteau. Uomo solo e grande musicista di rara modestia lontanissimo dalla “società degli addetti ai lavori”. Dice “J’emmerde l’art”.

La sera del 23 gennaio torne a suonare in Cantina JOE SANKETTI (chitarra e voce) accompagnato da DAVIDE VERONESI (tromba e voce).

Joe Sanketti timidamente ispirato nella più sottile vena artistica cantattoriale, condividerà ogni singola nota armonica melodica con Davide Veronese, artefice ispirativo e complice all’unisono. Quando la musa ispiratrice prende forma, all’opposto del banale! “A farci preferir basta un assaggio” Cit. Sig.Varnelli

IL PONTE DEI COLORI villa scopoliIl week end si conclude domenica 24 gennaio con IL PONTE DEI COLORI. In scena: Andrea De Manincor e Sabrina Modenini.  Regia: Andrea De Manincor e Sabrina Modenini . Scene: Alessandra Bortolazzi. Età consigliata: dai 6 ai 12 anni

Favola moderna per riflettere sulla dislessia. Gigi è un bambino dislessico, ma la sua dislessia fa il pari con l’incapacità da parte di Anna, la sua compagnuccia di classe, la secchiona, di distinguere i colori. Gigi invece in quello è bravissimo, i colori li sente, li annusa, li avverte. Ma Gigi vorrebbe essere bravo quanto Anna… e Anna vorrebbe saper fare disegni e colorare alla pari di Gigi. Così, un bel giorno di un giorno qualunque, su un prato e dentro un baule, per magia i bambini si ritrovano in un mondo parallelo dove l’una ora non sa più leggere e scrivere, l’altro non sa più disegnare… in compenso hanno acquistato ciò che non sapevano fare nel mondo “normale”.

A cura del Panificio/Pasticceria De Rossi gli aperitivi degli spettacoli serali con specialità del panificio, taglieri di salumi e vini della Cantina Sartori e la pasticceria artigiana della merenda della domenica servita con the caldo.