Sono già 50 le imprese ammesse al bando di Invitalia per la produzione e la fornitura di dispositivi medici e di dispositivi di protezione individuale. Si tratta di 28 interventi di riconversione e 22 di ampliamento della capacità produttiva per un totale di investimenti di circa 22,5 milioni di euro, di cui quasi 17 milioni di agevolazioni pubbliche.

Tali imprese possono produrre a regime ogni giorno 1,3 milioni di mascherine chirurgiche, 162.000 mascherine FFP2, 88.000 mascherine FFP3, 21.000 dispositivi di protezione oculare, 91.000 detergenti e soluzioni disinfettanti, 960.000 attrezzature di supporto e 30.000 kit diagnostici. I dati sono diffusi e aggiornati da Invitalia sul proprio sito internet.

Ricordiamo che la misura finanzia interventi di ampliamento e/o riconversione dell’attività produttiva per la produzione di dispositivi medici e/o di dispositivi di protezione individuale.

Le imprese selezionate beneficiano di un mutuo a tasso zero a copertura del 75% del programma di spesa, rimborsabile in 7 anni. Il mutuo può inoltre trasformarsi in fondo perduto in funzione della velocità di intervento.

Il bando resta aperto a sportello, a disposizione vi sono 50 milioni di euro.