Mi scrive Irene, anni 46, femmina, mano destra

grafo_irene_lunare

Dolce, dolcissima, questa grafia, a prima vista… poi, analizzando Segno per Segno, si colgono alcuni sprazzi di forza, di reattività collerica, di esplosione da accumulo di stress. Quello stress che fa che il vulcano butti di colpo la lava, ed altrettanto di colpo si plachi.

Si potrebbe, con una metafora, dire che Irene è lunare, ma qua e là i lampi ci sono…

La grafia rivela una personalità:

  • con duttilità mentale notevolissima
  • con facilità all’apprendimento
  • con pericolo di sottovalutazione di sé nelle decisioni
  • con tendenza a compiacere, a dare, ad offrire spontaneamente e con fiducia
  • capace di adattarsi…ma fino ad un certo punto: l’inizio è, di solito, cauto e guardingo, poi, acquisita fiducia, fiorisce la spontaneità
  • capace di ascoltare gli altri e di dare “confience”
  • dotata di dolcezza e di tenerezza, anche idealistiche
  • con reazioni a volte spropositate, troppo forti, ma da accumulo
  • generalmente, però, amabile nei modi e nelle espressioni la personalità risulta femminile.

Il quesito che Irene mi pone non ha risposta… si può essere femminili ed avere rapporti omosessuali, come eterosessuali. In ognuno di noi, sussiste la possibilità di amare entrambi i sessi. Allora?

Allora non è tanto l’anatomia del partner che deve interessare Irene, quanto la Persona.

Non è la parte fisica, quanto quella intellettiva ed affettiva che faranno sì che Irene scelga. Nulla dovrebbe ostacolarla, nella sua ricerca.

Se l’attuale partner è capace di attendere che questa ricerca si svolga, che Irene scelga, la ricerca stessa sarà semplificata, perché non interverranno né sensi di colpa, né remore, a trattenere o ad inficiare il vaglio della situazione… ma è difficile riuscire a stare in un angolo, ad aspettare, per chi ama veramente. Ci vuole una forza sovrumana.

Non è stata la Chat, Irene, a sconvolgere il tuo vissuto. Avresti potuto avere gli stessi input durante un viaggio in aereo, in treno..durante una chiacchierata a casa di amici. Ad un certo punto, tutti noi ci chiediamo: che cosa mi sono perso? E, nel fare il punto della situazione, ci accorgiamo che la vita scappa, che non abbiamo avuto quello che potevamo avere…e lo cerchiamo, lo vogliamo, ci illudiamo, spesso, di averlo trovato. Guarda i maschi over 50… che corrono dietro alle ragazzine, per sentirsi di nuovo giovani… e magari sono stati irreprensibili consorti per un quarto di secolo.

La tua partner è intelligente, ma può andare in tilt, per affetto, per i sentimenti. Il tuo essere dolce, femminile, oblativa, intriga sia l’uomo, sia la donna… chi, tra loro, può farti sentire meglio? Solo tu puoi rispondere, ma chieditelo con attenzione. Chi ti fa sentire BENE, oggi, chi ti farà (presumibilmente) sentire BENE in futuro, negli anni “bui”, è la persona giusta.

Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.