Tempo di lettura: 2 minuti

20Iseo, Brescia. La rassegna musicale diretta dal pianista Massimiliano Motterle “Iseo Classica” è giunta alla quarta edizione: dopo l’edizione del 2015 dedicata al “Romantico Bach”, quella del 2016 dedicata a Beethoven “L’inventore della musica” e a quella del 2016/17 che volgeva lo sguardo al romanticismo tedesco di Schumann e di Brahms quest’anno Motterle ha pensato ad un tema particolarmente attraente: “il virtuosismo strumentale”. Come sempre protagonisti della rassegna saranno i giovani talenti.

Sarà indubbiamente un’edizione da ricordare. Tutti i concerti si terranno nella Sala Civica del Comune di Iseo presso il Castello Oldofredi, la domenica alle 17.30.

Inaugurerà la stagione, il 22 ottobre, il pianista ventunenne Mauro Locatelli, eccellente interprete di pagine virtuosistiche: ad Iseo eseguirà, tra le altre, una delle composizione più ardue mai state scritte, “Le Festin d’Esòpe” del compositore francese Alkan; il secondo concerto, il 5 novembre, vedrà sul palco un’Ensemble piuttosto insolita ma di grande appeal; il quartetto di fagotti Acero 4.1, dal nome del legno con cui è costruito il loro strumento, che ha vinto in Concorso “European Music Festival for young people” di Neerpelt, in Belgio ed ha recentemente suonato al Quirinale. 

Domenica 19 novembre sarà la volta della pianista taiwanese di diciannove anni Yi-Ling Wu, selezionata da Motterle in occasione della Masterclass tenuta a Taipei lo scorso agosto; Yi-Ling, pianista dalla straordinaria sensibilità musicale, sarà protagonista di un programma molto vario che spazia da Bach a Prokof’ev senza dimenticare Mozart e Chopin. 

Altro appuntamento da non perdere è quello di domenica 3 dicembre con il Duo violino-pianoforte formato dai giovani Simone Ceriani e Marco Cuoghi che suoneranno 3 capolavori di Beethoven, Stravinsky e Schumann. Il consueto appuntamento con il recital di Massimiliano Motterle è fissato il 17 dicembre: la Sonata “Patetica” di Beethoven, alcune delle pagine più significative di Chopin e 3 studi trascendentali di Liszt sono i brani scelti dal pianista iseano d’adozione. 

Dopo la pausa natalizia la rassegna continuerà con altri 2 appuntamenti: il 14 gennaio si esibirà il Trio Carducci, violino, violoncello e pianoforte. Trio in grande ascesa nel panorama cameristico degli ultimi tempi; hanno vinto il II premio al Grand Prize Virtuoso Competition di Londra e nell’Aprile 2017 hanno debuttato alla Royal Albert Hall. Il Trio sta lavorando alla registrazione integrale dei trii di Arensky che verranno pubblicati nel 2018 per la casa discografica Brilliant e che saranno eseguiti ad Iseo. 

Chiude la rassegna una straordinaria pianista di 15 anni, An-Chi Mai, anche lei di Taiwan; Motterle, dopo averla ascoltata a Taipei, è rimasto talmente colpito da volerla a tutti i costi ad Iseo; ha già vinto numerosi Concorsi internazionali e attualmente studia a Parigi col grande pianista francese Michel Béroff; An-Chi eseguirà un programma di alto virtuosismo pianistico. 

La rassegna è organizzata con il fondamentale contributo dell’Amministrazione del Comune di Iseo, in collaborazione con l’Associazione Musicale Pasini.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *