Tempo di lettura: 2 minuti

LA CONFERENZA E’ RINVIATA A DATA DA DESTINARSI PER IMPEGNI DI LAVORO A PARIGI DEL RELATORE GIGI RIVA 

Brescia. Assume oggi un significato diverso, dopo i terribili fatti di Parigi, l’incontro organizzato da tempo dalla fondazione Guido Piccini, con Gigi Riva, caporedattore de l’Espresso dal titolo “Isis, l’Italia in guerra? Una riflessione sulla storia giovedì 19 novembre alle ore 17.30 al Salone Vanvitelliano di palazzo Loggia a Brescia.

L’intervento del caporedattore Gigi Riva doveva ripercorrere la storia dal 1915 al 2015 per comprendere quali fatti hanno portato alla situazione odierna, cento anni che hanno visto una sequenza di terribili guerre e divisioni, la pace e la convivenza dei popoli continuamente minacciata sino ai nostri giorni. Dovrà Gigi Riva, nella sua esposizione, fare i conti con le drammatiche vicende che hanno segnato nelle ultime ore gli animi di tutto il mondo civile.

Nell’intento dell’incontro c’era di ripercorrere le vicende storiche dalla fine della Prima guerra mondiale, con la Conferenza di pace di Parigi del 1919 modificò radicalmente le carte geografiche dell’Europa e del Medio Oriente. In Europa erano scomparsi quattro imperi, ed erano nati 26 nuovi Stati in molti dei quali erano costrette alla convivenza forzata diverse nazionalità ed etnie, destinate a provocare una sorta di conflittualità permanente.

Basti pensare, ad esempio, che serbi, croati e sloveni venivano riuniti nella Jugoslavia, ove esistevano altre sei diverse nazionalità. Un secolo dopo, i confini tracciati in quella conferenza sono in gran parte saltati, sia in Europa, sia in Medio Oriente. E contemporaneamente stanno saltando gli equilibri geopolitici che hanno retto il mondo nel “secolo breve”. Siamo davvero alla vigilia di quella che anche Papa Francesco ha definito la Terza guerra mondiale?

Questo incontro aperto a tutti assume oggi un primo passo per non arrendersi alla inaudita violenza scatenata a Parigi. L’incontro è organizzato in collaborazione con: Cgil Brescia, Fondazione Clementina Calzari Trebeschi, Nuova Libreria Rinascita e il Comune di Brescia.

La fondazione Guido Piccini, con sede a Calvagese della Riviera, è da anni impegnata al perseguimento di finalità sociali attraverso la promozione e l’attuazione di iniziative di formazione, beneficienza, tutela dei diritti civili, educazione, assistenza sociale e sanitaria, studio e ricerca scientifica, istruzione, finalizzate allo sviluppo umano, sociale ed economico di persone e comunità svantaggiate in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *