Isola della Scala (Verona) – Cinquanta. Tanti sono gli anni che compie nel 2016 la Fiera del Riso di Isola della Scala, in provincia di Verona. Mezzo secolo di storia che ha fatto dell’evento scaligero la manifestazione gastronomica, legata ad un unico prodotto agricolo, più visitata in Italia.

Le nozze d’oro tra la Fiera e Isola della Scala verranno celebrate ufficialmente a partire dal 14 settembre, data di inizio di questa speciale edizione che termina il 9 ottobre. Quest’anno festeggiato è il riso Nano Vialone Veronese, primo ad Indicazione Geografica Protetta in Europa, e la ricetta locale del risotto all’“Isolana”. Isola della Scala si conferma così, ancora una volta, capitale della buona cucina veronese legata alla tradizione del riso. L’evento, infatti, porta ogni anno circa mezzo milione di persone in un paese che conta poco più di 11 mila abitanti.

La Fiera del Riso vede all’opera ogni anno 300 cuochi. Oltre agli stand tradizionali, i tanti concorsi e le serate gastronomiche a tema hanno fatto di questo evento il più grande laboratorio italiano sul risotto, il piatto tricolore probabilmente più amato all’estero insieme alla pizza e alla pasta e che – durante la manifestazione – viene presentato con decine di ricette diverse. Alle più recenti edizioni hanno preso parte associazioni nazionali che si occupano di buon cibo e buon vino, come la federazione italiana cuochi, rappresentata dai pluripremiati cappelli bianchi dell’associazione cuochi scaligeri, e l’associazione italiana sommelier, impegnata a garantire che, accanto ad un ottimo risotto, venga servito un altrettanto ottimo bicchiere di vino.

La Fiera negli ultimi anni ha arricchito l’esperienza dei propri visitatori ampliando l’area fieristica e i servizi, aumentando gli espositori della fiera campionaria (circa 150), organizzando visite guidate al territorio, promuovendo iniziative e degustazioni sia in Italia che all’estero. Durante la manifestazione gli eventi collaterali che si tengono ad Isola della Scala sono circa un centinaio.

Nei giorni feriali a mezzogiorno sarà aperto solo il Palariso con risotto all’Isolana e due risotti alternativi.
Gli stand espositivi nei giorni feriali saranno aperti solo alla sera.
L’area fieristica è accessibile ai diversamente abili e dotata di servizi e parcheggi gratuiti a loro riservati.