Tempo di lettura: 4 minuti

Non sono solo i giovani a lasciare l’Italia. Tra coloro che sono partiti nel 2017 (oltre 128 mila persone con un aumento del 3,3% sull’anno precedente), il 37,4% ha tra i 18 e i 34 anni, un quarto ha tra i 35 e i 49 ma il dato che sorprende è l’aumento degli espatriati over 50.

È quanto emerge dal Rapporto Migrantes 2018 sugli italiani all’estero da cui risulta una crescita del 20,7% nella classe 50-64 anni, del 35,3% nella classe 65-74, del 49,8% in quella tra 75 e 84 anni e del 78,6% tra gli over 85.

Come leggere questo dato? “Sicuramente ci si trova davanti alla necessità di provvedere alla precarietà lavorativa di italiani con più di 50 anni rimasti disoccupati e privi di prospettive in patria, i cosiddetti ‘migranti maturi disoccupati’ – si legge nel Rapporto – Si tratta di persone lontane dalla pensione o che hanno bisogno di lavorare per arrivarvi e che devono mantenere la famiglia”.

Ma non solo : ci sono anche i “migranti genitori-nonni ricongiunti” ovvero i genitori-nonni che inizialmente trascorrono periodi sempre più lunghi all’estero con figli o nipoti e poi finiscono per trasferirsi del tutto o per buona parte dell’anno.

E ancora i “migranti di rimbalzo” ovvero chi dopo anni di emigrazione è rientrato in Italia per trascorrere la propria vecchiaia in Italia ma rimasto vedovo/a e con figli nati e cresciuti all’estero torna nel Paese che lo ha accolto per tanti anni da migrante e che gli assicura un futuro migliore.

Infine, ci sono i “migranti previdenziali” ovvero di chi sceglie di passare gli anni della pensione all’estero: il trasferimento non è determinato solo da motivi economici ma anche dall’humus culturale e dalla possibilità di essere accompagnati durante il trasferimento e la permanenza.

Le mete principali in quest’ultimo caso sono Marocco, Thailandia, Spagna, Portogallo, Tunisia, Santo Domingo, Cuba, Romania.

Gli iscritti all’Aire. Negli ultimi anni la mobilità degli italiani verso l’estero è aumentata del 64,7% passando dai poco più di 3,1 milioni di iscritti nel 2006 agli oltre 5,1 milioni del 2018 (+2,7% sul 2017).

Più della metà degli iscritti ha indicato come motivazione l’espatrio o la residenza all’estero, poco più di 2 milioni sono iscritti per nascita, il 3,4% sono acquisizioni di cittadinanza. Nel 2017 si sono iscritti all’Aire 243 mila italiani, di cui il 52,8% per espatrio (+3,2%).

A livello continentale è l’Europa ad accogliere il numero più alto di cittadini italiani (54,1%) mentre in America si registra una percentuale del 40,3% con una maggiore concentrazione nel Centro-Sud. Le realtà nazionali più numerose sono Argentina, Germania, Svizzera: nel 2017 il Brasile ha superato numericamente la comunità italiana in Francia.

Circa la metà dei residenti all’estero è di origine meridionale. Per quanto riguarda le differenze di genere, le italiane sono il 48,1%. Più della metà sono celibi/nubili, il 37% è sposato mentre i divorziati/e e i vedovi/e sono rispettivamente il 2,5% e il 2,4%. I minori sono oltre 765 mila (pari al 15%, di cui il 6,8% ha meno di 10 anni), il 22,2% ha tra i 18 e i 34 anni, il 23,4% tra i 35 e i 49. Gli over 65 sono il 20,3% ovvero poco più di un milione

Le partenze. Nel 2017 si sono iscritti all’Aire per espatrio 125.193 italiani con un aumento del 3,2% rispetto all’anno precedente. Gli uomini sono più di 70 mila (55%) ma si rileva un importante peso dei nuclei familiari: lo dimostrano i 24.570 minori (il 19,2% del totale).

Il 37,4% di chi parte ha tra i 18 e i 34 anni (quasi 48 mila persone), i giovani adulti (35-49) sono un quarto del totale (+2,8% sul 2016) ma cresce l’incidenza delle fasce più mature: nel 2018 è pari al 7,1 per cento.

Le donne sono meno degli uomini in tutte le classi di età, tranne che tra gli over85 e tra i 15-17 anni. Milano, Roma, Genova, Torino e Napoli sono le prime 5 città di partenza, la prima regione è la Lombardia da cui sono espatriate quasi 22 mila persone, seguono a distanza Emilia-Romagna, Veneto, Sicilia e Puglia.

Dove sono andati? In 193 località del mondo di ciascun continente, ma soprattutto in Europa (70%), in primis in Germania che torna a essere la destinazione preferita, e in America, in particolare in Brasile e Argentina.

Da segnalare la diminuzione di partenze per il Regno Unito che registra un -25,2% e l’incremento del Portogallo che fa segnare un +140,4%.

“Incrociando le classi di età con le destinazioni si mette in luce che i minori seguono i genitori e soprattutto in località europee – si legge nel Rapporto – e quest’anno la Francia è la nazione che ha visto, più di tutte, l’arrivo di nuclei famigliari giovani dall’Italia. D’altra parte, è evidente quanto coloro che partono in età adulta lo fanno per seguire figli e nipoti o per tornano in quei Paesi dove avevano già sperimentato un primo percorso migratorio”. 

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *