Tempo di lettura: 4 minuti

Verona – A un anno dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà dell’alternanza scuola lavoro per tutti i ragazzi e dell’avvio della sperimentazione del sistema duale, arriva la 26a edizione di JOB&Orienta, il salone nazionale dell’orientamento, la scuola, la formazione e il lavoro, da giovedì 24 fino a sabato 26 novembre alla Fiera di Verona. Nelle tre giornate, il racconto dei progetti eccellenti e dei percorsi di raccordo tra scuola e impresa, testimoniate dai giovani e dalle imprese, le migliori esperienze di alternanza, i percorsi ITS, strumenti per accorciare le distanze tra banchi di scuola e lavoro. E per i giovani in cerca di lavoro workshop e laboratori, incontri con esperti, responsabili risorse umane, imprenditori, e testimonianze di coetanei.

“Imparare lavorando: in Italia si può” è il filo rosso delle tre giornate, che fungeranno da amplificatore all’appello del mondo della scuola e delle istituzioni: è ora necessario mettere a sistema le migliori energie di tutti perché gli strumenti di raccordo tra scuola e lavoro si rafforzino e si diffondano. Una sorta di chiamata all’azione, insomma, rivolta a imprese, istituzioni, enti culturali,… perché “aprano le porte” e si rendano partecipi della sfida condivisa e insieme della grande responsabilità: favorire passaggi più fluidi e veloci dai banchi di scuola al lavoro, rafforzando le competenze dei giovani “sul campo” e promuovendo la loro “socializzazione” al lavoro.

Promosso da VeronaFiere e Regione del Veneto, in collaborazione con Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, insieme a numerose altre realtà istituzionali e non solo, il salone si compone di un’ampia rassegna espositiva (500 le realtà presenti) e di un calendario culturale molto articolato, che conta oltre 200 appuntamenti tra convegni, dibattiti, workshop,… con più di 350 relatori confermati. Tra i maggiori ospiti delle tre giornate: il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti e il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini, che giovedì mattina apriranno la manifestazione incontrando gli studenti. E ancora i sottosegretari Luigi Bobba e Gabriele Toccafondi, Alberto Baban, Giovanni Brugnoli, Maurizio Del Conte, Tito Boeri.
Accanto a loro numerosi altri gli esperti e testimoni dal mondo dell’economia, della politica e della cultura.
Ma Job&Orienta sarà anche lo spazio di narrazione di tanti giovani protagonisti e delle loro storie: dagli studenti che interverranno a raccontare il loro primo approccio al mondo del lavoro attraverso l’alternanza, ai giovani degli Its-Istruzione tecnica superiore, da chi ha trovato lavoro grazie a iniziative e progetti del Piano Garanzia Giovani fino a coloro che, con coraggio e intraprendenza, hanno scelto di dare avvio a una propria impresa.

Momenti di aggiornamento e confronto per gli operatori del mondo della scuola e della formazione.
Numerosi nei tre giorni i momenti di aggiornamento e dibattito rivolti a dirigenti scolastici, docenti e formatori, operatori dell’orientamento. In molti degli appuntamenti a loro dedicati dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca sarà centrale il tema dell’alternanza scuola lavoro, con l’obiettivo di dare agli operatori strumenti e competenze per la progettazione e la realizzazione dei percorsi.

Strumenti, laboratori e iniziative di orientamento per aiutare la scelta scolastica di ragazzi e famiglie.
Per i ragazzi che si avvicinano a nuove scelte scolastiche e per le loro famiglie, il Salone offre strumenti e iniziative di orientamento utili ed efficaci, promuovendo anche modalità innovative. Nell’area espositiva dedicata al mondo dell’istruzione e dell’educazione, un’ampia panoramica di proposte formative delle scuole di primo e secondo grado, progetti educativi e campagne di sensibilizzazione, nuovi strumenti per l’apprendimento, viaggi studio e visite di istruzione in Italia e all’estero, esperienze di mobilità internazionale.

Opportunità per neodiplomati, neolaureati e giovani in cerca di lavoro.
Per aiutare i giovani a compiere scelte formative e professionali consapevoli, in rassegna a JOB&Orienta oltre 90 università e accademie sia italiane che estere, enti di formazione professionale, percorsi di Its (Istruzione tecnica superiore), corsi di perfezionamento e master, opportunità di stage professionalizzanti e tirocini, informazioni sui servizi esistenti e supporto concreto per la ricerca attiva di occupazione. E ancora, laboratori interattivi, simulazioni e incontri con esperti e testimoni, per conoscere i settori professionali con maggiore occupabilità (dal digitale alla green economy, dal made in italy alle professioni del sociale), capire come evolvono le competenze richieste dal mercato e cosa significhi avviare un’impresa, anche cooperativa, grazie alle testimonianze di giovani chiamati a raccontarsi in prima persona.
In fiera anche una panoramica delle proposte di stage e tirocini all’estero, lavoro, scambi culturali e viaggi studio in tutto il mondo. Infine il programma di appuntamenti “TopJOB”, con spazio per workshop, incontri con aziende e seminari per imparare a stendere il curriculum, a sostenere colloqui di lavoro e a individuare gli strumenti e i canali più efficaci per cercare occupazione.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito. È possibile registrarsi nel sito ufficiale compilando l’apposito form e stampare direttamente il proprio biglietto provvisto di QRcode, che consentirà, anche durante la visita, l’accesso alle informazioni sugli espositori e sugli eventi in programma.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *