Tempo di lettura: 2 minuti

Bonemerse (Cremona) – Si è tenuta ieri sera presso la ditta Ferraroni Mangimi la conferenza stampa di presentazione del nuovo Direttore Sportivo della Juvi Cremona Basket 1952 Alessandro Barbalich. A fare gli onori di casa la famiglia Ferraroni, main sponsor da 7 anni della compagine gigliata, con la quale hanno ottenuto 5 promozioni consecutive e 2 partecipazioni ai playoff per la promozione in serie A2.

La società juvina ha voluto ringraziare l’ex Direttore Sportivo Andrea Zagni per l’ottimo lavoro svolto negli ultimi anni che hanno portato la compagine cremonese sempre più in alto; “speriamo che il pubblico possa tornare al più presto a sostenere i propri beniamini sugli spalti del PalaRadi“.

Poi è stato il turno del neo Direttore Sportivo che ha chiarito: “metto a disposizione la mia lunga esperienza che ho formato sia in Italia che all’estero, ma soprattutto all’estero dove ho dei bei ricordi avendo ricoperto diversi ruoli in Russia, nella capitale Mosca, ed in Spagna, a Madrid. Inoltre ho contribuito alla ristrutturazione societaria di realtà che hanno attraversato momenti di difficoltà affidandosi alla mia esperienza, che mi hanno visto coinvolto in prima persona portando in Europa giocatori di primo livello come l’argentino e campione olimpico ad Atene 2004 Carlos Delfino, oppure Maciej Lampe e Viktor Khryapa. Da Mosca porto ottimi ricordi avendo insegnato Sport Marketing and Management alla State University. Tornando al mio nuovo incarico alla Juvi, ritengo che dobbiamo aggiungere sempre più esperienza, dare sempre di più ed in meglio. Senza dubbio ripartiremo con molti giovani, perché i giovani sono la base per la costruzione di un buon roster. Con coach Alessandro Crotti presente alla conferenza stampa abbiamo un’ottima sintonia e sono tanti anni che ci conosciamo e posso dire che tra di noi è nata una profonda amicizia. Ai nostri tifosi che affolleranno gli spalti del palazzetto la volontà è quella di farli sempre uscire con il sorriso, comunque se si vuole costruire una squadra competitiva e la serie B è un campionato molto esigente e combattuto bisogna partire con calma. Per quanto riguarda la costruzione del roster, non vogliamo una primadonna che possa sminuire il resto della squadra perché considero che una squadra è costituita da atleti che devono dare sempre il massimo a partire dagli allenamenti, ma soprattutto in partita. Infine” – ha affermato Barbalich – “ho scelto Cremona perché la considero la squadra per eccellenza che può dare sempre più lustro alla città, essendo una delle realtà storiche della città“.

All-focus

Nei prossimi giorni la dirigenza cremonese insieme al nuovo Direttore Sportivo comunicheranno le prime novità in vista del campionato 2021-2022 che con ogni probabilità inizierà ad ottobre e che con ogni probabilità vedrà la formazione gigliata inserita in un girone con il resto delle altre compagini lombarde insieme alle formazioni venete e friulane.