Tempo di lettura: 2 minuti

Padernello, Brescia. Il Coro “Vox Nova” era nato a Padernello nel 1994 come coro misto e, da questa precedente esperienza, si è poi rinnovato in una compagine interamente femminile.

Venerdì 3 maggio alle ore le voci dirette dal maestro Bruno Provezza ritornano nelle sale del castello con il concerto: Kosmos, il Canto popolare bresciano alla Chanson francese.

Il canto corale, vibrazioni di anime, condivisione, educazione civica, sociale empatia, apprendimento. Oggi in una società individualista cantare in un coro è essere trasgressivi. Il canto in modo particolare migliora le difese immunitarie e le capacità cognitive. Studi internazionali hanno dimostrato i benefici di questa attività esclusiva degli esseri umani.

In un Paese ideale la pratica corale assumerebbe il ruolo di un’attività morale compagna dell’essere umano lungo l’arco di tutta la sua vita. Purtroppo su un bacino territoriale limitrofo di quasi 50000 cittadini risulta una pesante difficoltà a prendere coscienza che il coro è manifestazione di civiltà, cultura, storia, espressione di pensieri e sentimenti.

Il Coro “Vox Nova” dalle origini si è rinnovato in una compagine interamente femminile, si è ampliato nell’organico e nel repertorio, ricostituendosi nel 2018 nella nuova sede di Chiari. La selezione dei brani in questi anni di studio ha cercato di coniugare la crescita graduale delle competenze tecniche vocali delle coriste con le peculiarità dei generi musicali nelle diverse epoche storiche. Grazie alla guida e alla professionalità del proprio Direttore Artistico Maestro Bruno Provezza, il Coro ha realizzato vari concerti, presentando un ricco repertorio di brani sacri e profani. Ha partecipato a varie rassegne e concerti tra cui in Italia e all’estero.

Serve uno slancio vitale per esserci. Il Castello di Padernello sostiene i corsi organizzati a Borgo San Giacomo del già esistente Coro femminile Vox Nov.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *