Chi, in campo scolastico ed extrascolastico, cerca di condurre bambini e ragazzi ad apprendere nuove conoscenze e abilità riscontra che tecniche e procedure di consolidata efficacia oggi non hanno più presa sulle nuove generazioni. C’è quindi nel mondo educativo una forte richiesta di prospettive nuove.

A queste richieste tenta di dare delle risposte l’Associazione La Bussola della mente funzionale. Il progetto nasce dalla collaborazione del Comune di Cremona, l’Ufficio di Educazione Fisica e Sportiva del U.S.P. di Cremona e del CONI, Comitato Provinciale di Cremona.

La bussola è una metafora che può essere di guida al tal fine. La bussola è un corpo mobile che cambia di direzione a seconda di come il soggetto si sposta: oggi abbiamo bisogno di approcci che siano praticabili in un contesto dinamico e in continua trasformazione. Ma la bussola indica una precisa direzione: abbiamo anche bisogno di avere un punto di riferimento affidabile e stabile per pianificare le azioni formative. Quale può essere questo riferimento, secondo l’associazione? Recuperare modalità naturali e spontanee di imparare, forse più accettabili dalla giovani generazioni perché più immediate ed incisive. Tutto questo, fonte di studi e seminari, è stato messo a disposizione del pubblico in una esaustiva pubblicazione, grazie anche al coinvolgimento di Cassa Padana Bcc.

Grazie al contributo di ricercatori nell’ambito di neuroscienze, pedagogia, psicologia, scienze motorie e mediche nel testo si prospettano percorsi di intervento che aiutino bambini e ragazzi a diventare consapevoli della propria motricità, a controllarla e a indirizzarla a scopi conoscitivi e comunicativi. La sistematizzazione teorica e l’approccio operativo documentati nel libro offrono un contributo per affrontare alcune delle odierne emergenze educative, tentando di recuperare le modalità naturali di apprendimento e cercando di innestare su di esse l’acquisizione di quelle forme evolute di competenza che sono collegate alla consapevolezza e al controllo del comportamento.

La presentazione, sabato 16 gennaio alle 11, avverrà con una tavola rotonda coordinata dal Direttore de La Provincia Vittoriano Zanolli, alla quale prenderanno parte:
– Mauro Platè – Assessore al Welfare di Comunità, Servizi alle Famiglie e alla Persona, Sport – Cremona
– Francesca Bianchessi – Dirigente Ufficio Scolastico per la Lombardia – Cremona
– Fabio Tambani – Vice Capo Area di Cassa Padana – Cremona

Intervengono gli autori:
– Alessandro Antonietti, docente di Psicologia generale, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
– Angela Biscaldi, ricercatore in Antropologia culturale, Dipartimento Scienze Sociali e Politiche, Università Statale di Milano
– Marco Bonali, medico otorinolaringoiatra e ricercatore, Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena Policlinico
– Mauro Bonali, docente di TTD sport Calcio ed Età Evolutiva, Scienze Motorie, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
– Leonardo Fogassi, docente di Fisiologia, Diapartimento di Neuroscienze, Unità di Fisiologia, Università degli Studi di Parma
– Elisabetta Genovese, docente di Audiologia, Università degli Studi di Modena e Reggio
– Giuseppe Pea, docente di Statistica e Informatica, Facoltà di Medicina, Università degli Studi di Brescia
– Sonia Rossi, insegnante di Educazione Fisica, Scuole Medie, Scienze Motorie e Sport, Scuole Superiori, Cremona
– Lina Stefanini, pedagogista Assessorato Politiche Educative e Istruzione, Comune di Cremona
– Daniele Tolomini, insegnante sostegno Scuole Medie, Scienze Motorie e Sport Scuole Superiori, Cremona.

copertina bussola