Tempo di lettura: 2 minuti

Pedacina_7Amo molto cucinare… e mangiare… (e si vede….). La cucina di un paese è a tutti gli effetti parte fondamentale della sua cultura, e quindi una parte (importante) di ogni viaggio passa per il cibo che vi si incontra.

Se poi volete sapere qualcosa su un popolo, niente di meglio che osservarli mentre fanno acquisti al mercato.

Ed allora eccomi qua, per una volta sono io ad accompagnare Lorenzo e Davide Conti, mentre fanno “la spesa” al supermercato. Vi assicuro che è stato uno spasso; mentalmente ho iniziato a fare il gioco delle differenze e delle similitudini.

Ve ne faccio un breve riassunto:

– confusione: simile. Come in Italia, regna il caos, e dopo un po’ viene il mal di testa….

Al supermercato in Cina– offerte speciali: simili, ma non troppo. Ci sono anche qua, ma le urlano (letteralmente: un addetto del reparto dotato di microfono URLA l’offerta del momento).

– frutta e verdura: simile. Proprio come da noi. Si comprano sfuse, si mettono nel sachetto e si pesano. Poi però guardi bene ed alcuni frutti (assaggiati e buonissimi) non li avevo mai visti….

– riso: che dire…. è il loro alimento numero uno, al punto che nemmeno lo vendono in pacchetti…. ma a palate…..

– zucchero: differenza. Settore meraviglioso, perché lo vendono in cristalli…. solo a vederlo viene voglia di acquistarlo….

– pesce: simile ma nemmeno troppo, perché nello stesso settore qua vendono anche le tartarughe vive (e non come animale da compagnia…). Hanno poi un settore del pesce essiccato, gigantesco ma un po’ inquietante….

– carne: differenza !!!! le anatre intere ma essiccate, le orecchie e i nasi dei suini (essiccati e non), le famose “zampe di gallina” sono da noi introvabili (….per fortuna?)

– snacks: differenza, differenza, differenza!!!! Il gusto cinese per il “dolce” è molto meno sviluppato di quello per il “salato”, e quindi per loro è molto “gustoso” sgranocchiare cose per noi realmente indigeste: pezzetti di pelle di maiale disidratato per esempio, o pezzetti di pesce, o di anatra…. Occhio però: la confezione è esattamente quella delle nostre caramelle…..

Ed eccoci qua. Vi ho un po’ annoiati, eh? Lo so, del resto era un elenco e si fa fatica a farlo divertente, per quanto uno si impegni e vada dall’altro capo del mondo a scriverlo….

Se però vogliamo dirla tutta, da bravo cronista sono andato a vedere anche un mercato locale, e qui la storia cambia radicalmente: profumi intensi (troppo intensi….), “location” non esattamente esclusive (ma insomma “no” dai, diciamola tutta, occorreva stare attenti a dove si mettevano i piedi!), improbabili insaccati e soprattutto strani animali destinati – stando a loro – all’alimentazione umana.

Lascio la parola alle immagini, così non vi annoio più.

to be continued……

 

CONDIVIDI
Demetrio Pedace
Sposato, con due figli. Bancario da sempre. Allegro, nonostante ciò. Mi piace la cucina, adoro i miei amici. Quando riesco, unisco le due cose e sto proprio bene. Per il resto... io speriamo che me la cavo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *