Tempo di lettura: 2 minuti

Reggio Emilia – Narrare è come viaggiare – attraverso le storie, le culture, i popoli.
Chi viaggia incontra persone, identità, oggetti. Chi viaggia insegue i sogni e le meraviglie della vita. Chi viaggia conosce, apprende e sa poi raccontare. Viaggiare, quindi, è come narrare.

Bentornata Reggionarra, un progetto culturale dedicato all’arte del narrare, nato nel 2006 nell’ambito dell’Istituzione Scuole e Nidi d’infanzia del Comune di Reggio Emilia e di Reggio Children, in collaborazione con diverse istituzioni culturali pubbliche e private del territorio.

Ispirato dalla convinzione che ogni persona possieda quel talento naturale a raccontare che trasforma ogni piccolo accadimento quotidiano in una straordinaria esperienza della vita, Reggionarra si sviluppa nell’arco dell’anno con diversi appuntamenti: percorsi di formazione per genitori, momenti narrativi nelle scuole o nel corso di eventi pubblici, la Notte dei Racconti a febbraio, in occasione del compleanno di Loris Malaguzzi, pedagogista, ideatore del Reggio Approach e, in primavera, l’evento che coinvolge tutta la città.

Ogni anno in un weekend di maggio Reggionarra trasforma Reggio Emilia nella “città delle storie”: narratori professionisti e compagnie teatrali, insieme a genitori nella veste di raccontastorie, animano diversi luoghi che diventano spazi narrativi dedicati all’ascolto di racconti, favole e letture animate.

La narrazione torna protagonista in una esperienza comunitaria in cui le persone, come nelle piazze di un tempo, si ritrovano per scambiarsi storie e racconti, trasformando piazze e cortili, scuole e portici, chiostri e biblioteche, in piccoli o grandi palcoscenici di vita narrata.Narrare è un atto di creatività.

Raccontare storie è un modo di creare significati, di aprirsi al nuovo, di attivare dialoghi e relazioni, di dare forma a mondi possibili e inediti. Le storie e le favole aiutano adulti e bambini a riscoprire e rigenerare il gusto dell’ascolto e il piacere del narrare, per ridare senso e fascino alle parole dette, lette, scritte e ascoltate.

La magia delle storie e l’incanto delle favole sono spesso la strada principe per attraversare la realtà e la fantasia, per incontrare la vita e la cultura, per conoscere e per interpretare quello che ci circonda.

La città di Reggio Emilia ha scelto l’educazione come tratto distintivo della propria identità e delle proprie politiche. Questa scelta si appoggia sulla convinzione che l’educazione è un diritto degli esseri umani fin dalla nascita, una responsabilità della società, un processo multidisciplinare che coinvolge non solo gli insegnanti e le scuole, ma gli enti locali, le associazioni e tutta la società civile.

La partecipazione delle famiglie al progetto educativo è un tratto qualificante dell’esperienza educativa.

All’interno dei nidi e delle scuole dell’infanzia ogni genitore – così come ogni bambino e ogni cittadino – è portatore della propria storia, valorizzato e rispettato nella propria soggettività e diversità.

Tutto ciò costituisce un progetto di partecipazione civile che mira a costruire coesione solidale ed arricchimento culturale, attraverso la promozione di una diffusa creatività sociale e di un articolato protagonismo diretto delle persone. È dentro a questa cornice di principi e valori che Reggionarra ha le sue forti radici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *