Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia – A volte succede che dal male possa nascere il bene. E’ quello che è successo in occasione della guerra d’Indipendenza combattuta ormai 150 anni fa a Solferino e San Martino e che ha portato alla nascita della Croce Rossa Italiana.

Nel 1859 Brescia partecipa ai soccorsi durante la tremenda battaglia di San Martino e Solferino, un immenso ospedale con oltre 35 mila feriti. Nel 1863 nasce a Ginevra la Croce Rossa, il primo comitato italiano prende vita a Milano nel 1864, seguito da quello bresciano nel 1865.

Il prossimo 26 giugno ricorreranno i 150 anni dalla fondazione del sodalizio in città e la Croce Rossa Italiana Comitato di Brescia si prepara a festeggiare un compleanno speciale con un ricchissimo calendario di eventi in programma.

“Un anniversario che ricorda il servizio umano che ogni giorno la Croce Rossa porta avanti,  sempre al servizio della popolazione bresciana e di tutto il mondo. Tra i quali i soccorsi in ambulanza, le tante attività sociali, la presenza nelle emergenze nazionali e internazionali  e l’intervento in caso di calamità naturali”, ricorda il vicepresidente della Croce Rossa di Brescia, Lucio Mastromatteo.

“La nostra vera forza sono i volontari, 750 a Brescia e 2500 in tutta la provincia, tra i quali molto sono proprio donne”, aggiunge Carolina David, responsabile dell’ufficio storico di Croce Rossa Brescia.

L’anniversario di fondazione verrà celebrato con una serie di manifestazioni aperte alla cittadinanza, molte delle quali saranno ospitate nel nuovo spazio Croce rossa italiana di piazza Vittoria 9, che dal 19 al 28 giugno sarà aperto al pubblico per presentare le diverse aree di intervento dell’associazione sul territorio.

Fra gli appuntamenti il 23 giugno l’incontro «Il Cielo oltre le sbarre, quando la cella diventa grande quanto un palcoscenico», con lo scrittore Patrizio Pacioni intervistato da Elena Bonometti. IL 24 giugno «Integralismo, fondamentalismo, fanatismo: attacco al patrimonio culturale in area di crisi», con l’intervento dell’archeologo Giacomo Tabita, presidente regionale della Società italiana per la protezione dei beni culturali.

Il 26 giugno dalle 9.30 alle 15 nello spazio della Croce Rossa è prevista la cerimonia dell’annullo filatelico per i 150 anni della Croce Rossa a Brescia, mentre alle 11 si terrà una cerimonia pubblica al cimitero Vantiniano, per rendere omaggio al monumento della Croce Rossa e alla tomba del primo presidente del Comitato cittadino, il sindaco di Brescia Gaetano Facchi.

Le celebrazioni per il 150esimo si chiuderanno il 27 giugno con il Gran Ballo della Leonessa, che sarà ospitato in Piazza Loggia: 95 i ballerini da tutta Italia che, con costumi di moda all’epoca, si esibiranno in quadriglie e balli tipici dell’Ottocento, coinvolgendo  anche il pubblico presente nelle danze.

Il programma nel dettaglio. 

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *