Tempo di lettura: 3 minuti

Questo messaggio è indirizzato a tutti coloro che gradiscono il referto gratuito della propria grafia tramite Popolis. Vorrei inviare loro una comunicazione, che riguarda il codice deontologico di noi psicologi della scrittura.

Dato che la grafia è – praticamente – un test che dice sia il carattere, sia le potenzialità intellettive e pratiche del soggetto, analizzare la scrittura di una persona è un vero e proprio “guardargli dentro”.

I lettori di Popolis avranno certamente notato che, nei miei referti, non parlo mai di sessualità, o di tendenza a delinquere, a tradire, a drogarsi…tutte caratteristiche che, invece, dalla grafia sono riconoscibilissime.
Perché non ne parlo?
Perché queste fanno parte della sfera intima.
E via Internet, non è giusto farle notare, a chi legga per curiosità, magari a conoscenza del nick della persona che ha richiesto il referto.
Solo nell’ambito del colloquio personale, a quattr’occhi, vengono esplicitate.

Facciamo qualche esempio?
Arrivano i genitori di un minorenne, con la di lui grafia: posso dire tutto quello che risulta, perché il minorenne è sotto la loro tutela.
Arriva una Signora con la grafia del Consorte, che non sa di essere esaminato: se è per intentare procedimento per violenza, per separazione, per tradimento, (quindi,con consulenza scritta che viene, successivamente depositata sotto il termine “stragiudiziale”) sono obbligata ad eseguirlo.
Ma, se la Signora è venuta a chiedere l’analisi grafologica, così, solo per “curiosità”, no, non è corretto dire e palesare la sfera intima.
Ogni scritto che esamino è di un soggetto.
IL SOGGETTO DEVE ESSERE A CONOSCENZA dell’analisi che verrà effettuata su di lui.

Mi portano grafie di soggetti che vogliono essere assunti presso una ditta?
Il datore futuro di lavoro vuole l’analisi grafica, come supporto integrativo al colloquio? I concorrenti al posto debbono essere, preventivamente, avvertiti e scriveranno, di loro pugno: “Acconsento all’analisi”.

Tutto questo per dire che, se – come nel caso di Cacciatore e di Gil – a Popolis arrivano grafie di soggetti che non hanno personalmente acconsentito ad essere analizzati…io non trovo corretto svolgerli.

Inoltre, vero è che Gil è minorenne, ma lo scritto inviatomi non è in originale: è in copia fotostatica (proprio come quello di Cacciatore e presuppongo, dalla data e dall’impostazione delle buste che contenevano i fogli, che siano state inviate dalla medesima persona), il che impedisce la raccolta di dati probanti, come l’inchiostrazione, la pressione, i rapporti proporzionali.

La fotostatica distorce, non “prende” e se è stata impostata su “chiaro” non fa distinguere i tratti filiformi; se è stata impostata su “scuro”, fa vedere tratti consequenziali, dove sono staccati… Quindi, l’analisi di grafie offerte in fotostatica NON è COMPLETAMENTE ATTENDIBILE: è solo INDICATIVA.

Aiutatemi, allora, a svolgere bene il mio lavoro: inviate scritti in originale, con il consenso di pugno dello scrivente. Per i minorenni, potete inviare gli scritti, anche a loro insaputa, se ne siete i genitori, ed anche voi apporrete la dicitura del consenso, dato che siete i diretti responsabili dei vostri figli, con tanto di “patria potestà”.

Potete richiedere particolarità, anche molto dettagliate, come:

  • orientamento scolastico
  • metodo di studio mirato
  • riconoscimento del disagio
  • riconoscimento delle problematiche

L’analisi grafica diventa utile, in campo scolastico, quando i figli incontrano difficoltà nell’applicarsi, nel memorizzare, nella scelta dell’iter di studi.
In campo “umano”, per decodificare lo “star male” e per suggerire come superarlo.

 

CONDIVIDI
Anna Grasso Rossetti
Dopo l'insegnamento mi sono dedicata alla libera professione di: psicologa, perito grafico, esperto del segno presso i Tribunali, docente di psicologia della scrittura, di comunicazione fattiva e tecniche di rilassamento, consulente in Sessuologia, psicologa dello Sport. Sono iscritta al Collegio Lombardo Periti Esperti e Consulenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *