Domenica 16 ottobre ritorna la quinta edizione di FAImarathon, una giornata FAI d’autunno alla scoperta di un’Italia diversa. Più di 3.500 volontari in 150 città di tutta Italia per accompagnare i partecipanti alla scoperta di oltre 600 luoghi solitamente chiusi al pubblico attraverso itinerari tematici ed eventi speciali che offrono una originale chiave di lettura delle città.FAI marathon

Nessun traguardo da raggiungere, nessun punto di partenza da cui iniziare, ma una passeggiata che tappa dopo tappa si inoltra in palazzi, chiese, teatri, cortili, monumenti di archeologia industriale. Luoghi spesso inaccessibili o poco conosciuti ma che offrono ai visitatori una prospettiva diversa sul territorio, raccontando la sua storia, le sue tradizioni, la sua identità attraverso la voce dei giovani del FAI.Le terre dei Gonzaga - FAI Via Lattea 2014

La visita ad ogni luogo prevede un contributo richiesto dai volontari che si potrà liberamente donare: è il modo di sostenere la missione del FAI per la tutela del patrimonio d’arte e natura italiano, per la quale il FAI si impegna da oltre 40 anni.

Dietro ogni porta si nasconde una storia: a volte la grande storia, spesso storie minori, altre ancora storie solo immaginate. Dal 2012 in occasione di FAImarathon, il FAI si fa narratore di alcuni di questi racconti e apre le porte di tanti luoghi speciali. Un atto simbolico che testimonia il riappropriarsi da parte delle persone degli spazi e delle storie che sono patrimonio di tutti noi.

Un evento organizzato dai Gruppi Giovani del FAI che si rivolge a tutti coloro, giovani e meno giovani, che amano l’Italia e desiderano scoprire tesori noti e meno noti del suo territorio. Per far questo il FAI utilizza il linguaggio e strumenti di comunicazione di uso comune come la fotografia e i social media.fotografia

In connessione con tale evento, FAI in collaborazione Instagramers Italia, organizza il premio nazionale di fotografia da assegnarsi all’immagine più rappresentativa dello scoprire con occhi nuovi porte, portone, cancelli dietro i quali si celano tante storie diverse che raccontano il Bel Paese.

Le porte, immagine simbolo dell’evento di FAImarathon, sono anche un elemento architettonico di ispirazione: cancelli chiusi e misteriosi, serrature, battacchi e fregi barocchi, prospettive su interni inesplorati, cornici di panorami mozzafiato, scorci che nella materialità delle strutture conservano le tracce di una memoria antica.porta

Dal 10 al 16 ottobre la capacità narrativa della foto, la sua resa estetica, l’originalità dello scatto saranno gli elementi di valutazione di una giuria qualificata scelta dal FAI che premierà i vincitori. Ogni giorno i due scatti più belli saranno ripostati sul profilo Instagram del FAI.

Nella giornata del 16 ottobre, in occasione dell’evento di FAImarathon saranno ripostati i 5 scatti più belli della giornata. Il migliore tra quelli selezionati vincerà invece una Fotocamera Reflex Digitale Canon EOS 1200D.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.