Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. La città accoglie sabato 22 giugno la Festa della Musica, anzi la Fête de la Musique, che non è un festival, ma una grande manifestazione popolare gratuita che si tiene a giugno di ogni anno per celebrare il solstizio d’estate. Lanciata in Francia nel 1982 è diventata un autentico fenomeno che si iscrive ormai in un contesto europeo che coinvolge ormai numerose città in tutto il mondo. È una festa aperta a tutti i partecipanti amatori o professionisti, che desiderano esibirsi di fronte ad un vasto pubblico, sempre curioso e disponibile.


Tutti i generi musicali sono coinvolti, per parlare con le note ad un vasto pubblico, con l’obiettivo di rendere popolare la pratica musicale e di unire le persone di tutte le condizioni sociali, giovani e non, alle più diverse espressioni musicali. La Fête de la Musique è l’occasione di creare un linguaggio musicale aperto con una continua contaminazione di suoni.

Festa della Musica Brescia è organizzata da l’Associazione Festa della Musica Brescia nata in seguito alla prima edizione nel 2014 in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Brescia. L’Associazione è costituita dalle varie realtà che hanno dato vita alla prima edizione, tutte realtà che operano nel campo musicale a vari titoli. Lo scopo dell’Associazione è quello di organizzare l’edizione cittadina e di promuovere la Festa della Musica Europea in Italia.

Sin dalla sua prima edizione Festa della Musica di Brescia è la più importante festa della musica in Italia e una delle più importanti in Europa con 720 adesioni nel 2016 (circa 3.500 musicisti in quasi 100 luoghi diversi). La festa della musica si svolge in tutto il mondo il 21 giugno, data che coincide con il primo giorno dell’estate nell’emisfero nord.

La prima edizione si è svolta il 21 giugno 1982 in Francia e si è rapidamente internazionalizzata toccando oggi, oltre la Francia, 120 paesi nel mondo. La “Festa della Musica” ha per obiettivo la promozione della musica. Partendo dallo slogan, omofono in lingua francese, “Fete De La Musique” / “Faites De La Musique” si vuole incoraggiare i musicisti dilettanti o professionisti ad esibirsi gratuitamente nelle strade e negli spazi pubblici della città permettendo ad un ampio pubblico di accedere a musiche di ogni tipo e origine: Rock, Classica, Jazz, Blues, World Music, Rap e Hip Hop, Folk, Tradizionale ecc… .

Questa manifestazione favorisce, fra le altre cose, anche un ampia mescolanza culturale con tutti gli effetti benefici che ne possono derivare in termini di convivenza. Soltanto in Francia, la “Fete De La Musique” permette ogni anno, secondo le cifre del ministero della cultura, l’organizzazione di 18.000 concerti seguiti da circa 10 milioni di spettatori.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *