Tempo di lettura: 2 minuti

Con il 2019 è l’undicesima edizione.
L’annuale appuntamento, con la “Festa della Polenta”, associa una serie di estemporanee attrattive alla località di Flero (Brescia), sede della medesima manifestazione, allestita in prossimità di piazza IV Novembre, per il periodo delle giornate rispettivamente comprese da venerdì 13 a domenica 15 settembre e da giovedì 19 a domenica 22 settembre.

Un programma, con la fruibile costante di una serie opportunità gastronomiche, disponibili dalle ore 19, come pure, di domenica, anche a mezzogiorno, prevede un composito intrattenimento contraddistinto da proposte musicali con interpreti diversi, analogamente al menu che il corso dell’evento dettaglia, in modo particolare, nell’esemplificazione evidenziata a carico di giovedì 19, con “la scarfoiada” della sera, abbinata alle varianti “polenta con cotiche e fagioli”, “polenta con lucanica e fagioli” e “polenta con stufato di manzo”.

La manifestazione pare ricondursi a quella tipicità locale che, già nello stemma comunale, ha una traccia evocativa di un esplicito riferimento rivolto al biondo cereale, essendo che il granoturco vi campeggia nella emblematica composizione di “tre pannocchie gialle su sfondo rosso con fascia orizzontale verde”.

Dalla traccia figurativa di un simbolico retaggio, posto a definizione di una rappresentatività territoriale, laProloco di Flero ha coltivato questo significativo elemento di sintesi, fra la cura cerealicola, pure intesa nella sua perdurante interazione culinaria, con quella realtà identitaria di riferimento che, anche al di fuori dei confini comunali, riporta ad una generale condivisione con gli aspetti conosciuti in aderenza ad un folcloristico piatto antico del mondo rurale da cui il riecheggiare delle immagini storiche dai popolari tratti essenziali.

Alla storia della polenta è diffusamente dedicata una parte apposita, nel catalogo della manifestazione di quest’anno, dando spazio, nelle pagine a colori della stampa, ai diversi sostenitori della “Festa della Polenta” che è presentata da Federico Maghini, referente degli organizzatori, in un contributo introduttivo sviluppato ad espressione delle rispettive esperienze coinvolte che, sotto il logo della “Proloco”, destina, in un’altra proposta di lettura, pure pubblicata a definizione del materiale divulgativo parimenti diffuso, un particolare rimando alla sinergia praticata per riuscire a confermare l’annuale appuntamento, intendendo, per questo “(…) ringraziare il sig. Sindaco Pietro Alberti, l’Amminmistrazione Comunale e il comando di Polizia Locale. Un grazie a tutti i volontari e le associazioni di Flero che, con la loro presenza, sono sempre disponibili a collaborare per la miglior riuscita delle manifestazioni. (…)”.

Altro genere di supporto, espresso a favore della cura impressa per allestire anche quest’anno le varie caratteristiche della manifestazione, è la partecipazione degli artisti aderenti al circuito espositivo previsto nel corso dell’iniziativa calata nel centro di Flero, a carico dei quali è messo in risalto il ruolo, in tal senso, praticato, per garantire sul posto la visibilità di tale contribuito creativo, da parte degli “hobbisti di Flero”, testualmente citati dal catalogo menzionato dove pure si trovano alcune immagini evocative dello svelamento delle circostanze proprie della “Festa della Polenta” in alcuni suoi consueti particolari.

La locandina della manifestazione.

CONDIVIDI
Luca Quaresmini
Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *