a cura di Giampietro Masseroni

Pescarolo e Uniti (Cremona) – Anche Pescarolo è ormai inserito nell’unità pastorale che fa capo a Vescovato, però gli “amici di San Rocco” sono intenzionati a procedere nella loro iniziativa a favore del recupero della chiesa di via Matteotti. In questi giorni si è tenuta la riunione del gruppo ed ha definito il programma, una cosa molto semplice che, come ormai nella tradizione, prevede la celebrazione, in via Matteotti davanti alla chiesetta, della Santa Messa, l’incanto e la gnoccata, nel cortile delle famiglie Lanzini Lusiardi. L’iniziativa era partita nel 2004 dopo alcuni anni nei quali i lavori per il ripristino della chiesa si erano fermati a conclusione di una assurda situazione precedente conclusasi poi con un altrettanto assurdo processo e relative condanne.

La volontà dei Pescarolesi si scontrò all’epoca contro la burocrazia e le assurde norme che li hanno portati più volte, come penso anche tanti altri casi nelle stesse situazioni, a gettare la spugna e lasciare andare tutto all’abbandono. Ma poi rincresce e così anche quest’anno il gruppo si è riunito e all’unanimità dei presenti si è decisi di dare il via all’organizzazione della XII^ iniziativa che si svolgerà nella domenica 16 con la Santa Messa alle 18, che andrà in sostituzione della Messa delle 11 nella Parrocchiale. Poi toccherà a Vanni Fiora, ormai maestro del mestiere, battere all’asta i vari prodotti offerti dai cittadini, quali patate, torte, salami, caci, piante in vaso messe sempre a disposizione dalla ditta Maschi, tramite la bravissima Tiziana e a volte non mancano anche animali in gabbia.

Insomma un incanto di prodotti vari, abilmente gestito dal grande Vanni, che con le sue battute raccoglie anche gli applausi del sempre numeroso pubblico presente. La serata proseguirà poi nel cortile Lusiardi Lanzini per la grande gnoccata e per la quale sono già aperte le prenotazioni e, come sempre, si concluderà con gli immancabili canti accompagnati da chitarra e fisarmonica.