Tempo di lettura: 3 minuti

Pescarolo ed Uniti (Cremona) – Dopo il prezioso dono della testimonianza di Riccardo Goruppi, reduce dal campo di concentramento di Dachau, nella giornata di martedì 15 gennaio e conclusasi in serata presso la sala Camozzi, a Pescarolo ci si prepara per la 7ª edizione della “Fiaccolata”, completando così la commemorazione della ricorrenza del “giorno della memoria”.

L’appuntamento è in programma domenica 27 gennaio alle 17.45 in piazza Garibaldi, dove si procederà alla distribuzione delle fiaccole e alle 18 circa è prevista la partenza per il corteo diretto al cimitero Napoleonico, percorrendo le vie Roma, Masseroni e Mazzini si arriverà al cimitero Napoleonico, nei pressi dell’incrocio con la S.P. 33.

Riteniamo opportuno fare una sintesi del percorso seguito in questi anni ad oggi e, precisamente, partendo dalla fine del 2010 quando, alcuni volontari decisero di intervenire per dare una mano ai responsabili della sezione A.N.C.R. del tempo che, nonostante il loro impegno, gli anni li mettevano in difficoltà. Anche se non ancora in forma ufficiale, la proposta di aiuto si concretizzò poi in un comunicato che annunciava, nel 2011, la prima iniziativa per ricordare la ricorrenza. Oltre ad alcune foto riguardanti campi di concentramento, si dava una sintesi di quello che avvenne il 27 Gennaio del 1945.

Con la costituzione ufficiale del nuovo organismo A.N.C.R. e la nomina a presidente di Malaggi Massimo, la sezione organizzò nel 2012 la ricorrenza con un incontro in sala Camozzi e dando vita così, ad un dialogo di collaborazione con la professoressa Ilde Bottoli a quei tempi coordinatrice del Comitato per la difesa e lo sviluppo della democrazia e in quell’occasione parlò, anche con immagini, sul tema “da Dachau a Auschwitz”.

Nel frattempo nasceva un particolare interesse per la valorizzazione del cimitero Napoleonico, tenendo conto della necessità di avere un monumento per i Caduti, come esisteva un tempo sulla piazza, considerato inoltre che nello stesso esiste una cappella di famiglia che raccoglie le spoglie del garibaldino Giuseppe Guarneri Zanetti che l’Associazione decise di ricordare, con la posa di un pennone con il tricolore.

Così quel posto ricco di storia, ma pressochè abbandonato, divenne per l’A.N.C.R. un importante punto di riferimento in occasione delle varie celebrazioni e, in modo specifico, punto finale nel 2013 della prima fiaccolata a ricordo del giorno della memoria. Il momento centrale è rimasto sempre quello, accensione del braciere e un momento di riflessione.

L’interno del vecchio cimitero ogni anno è oggetto di interventi vari da parte dei volontari dell’Associazione, ai quali vanno aggiunti inoltre, a conclusione della commemorazione, un lancio di palloncini contenenti messaggi preparati dagli alunni della locale scuola primaria.

Nel 2014, tra i vari progetti dell’ A.N.C.R., rientrava anche quello di ricordare una vittima di quel periodo, così si modificò il percorso arrivando in via Mazzini, non attraverso via Ruggeri ma percorrendo le vie Roma e Masseroni che, stando ai si dice, era morto in un campo di concentramento. In merito, accertata poi la realtà, dalla quale si apprese che Masseroni era effettivamente morto nel campo di concentramento di Gusen, sottocampo di Auschwitzn, si procedette, in occasione della fiaccolata 2018, all’inaugurazione di una targa a ricordo. Ricordiamo che l’appuntamento per domenica 27 è fissato alle 17.45 davanti al comune. In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà in chiesa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *