Tempo di lettura: 2 minuti

Chiari (Brescia) – Dopo le soddisfazioni ottenute con la quindicesima edizione della Rassegna della Microeditoria, l’Associazione L’Impronta propone un imperdibile incontro con Aleida Guevara, prima figlia di Ernesto “Che” Guevara. Sabato 16 dicembre, alle ore 21.00, presso il Salone Riva della Fondazione Morcelli Repossi a Chiari.

La figlia del Che è un medico pediatra, oggi al lavoro presso l’ospedale Soler Children di William all’Avana ma con esperienze in ospedali di tutto il mondo, è in Italia per promuovere una raccolta fondi per la costruzione di un ospedale a Cuba.

L’incontro, condotto da Alex Corlazzoli, giornalista de ll Fatto Quotidiano e Donna Moderna, sarà occasione per parlare con Aleida dell’attuale situazione cubana, per ricordare la storia dell’isola e del suo illustre e rivoluzionario padre.

Anche se aveva solo 4 anni e mezzo quando il padre lasciò Cuba per il Congo e solo 7 anni quando fu giustiziato in Bolivia, Aleida ha ricordi ancora affettuosi di lui, anche grazie alle storie di animali che scriveva a lei e ai suoi fratelli sulle cartoline quando era lontano.

Mio padre sapeva come amare – spiega Aleida – e quella era la caratteristica più bella di lui: la sua capacità di amare. Per essere un vero rivoluzionario, devi essere un romantico. La sua capacità di darsi alla causa degli altri era al centro delle sue convinzioni – se solo potessimo seguire il suo esempio, il mondo sarebbe un posto molto più bello.”

Aleida Guevara March è la figlia maggiore dei quattro figli nati da Ernesto “Che” Guevara e dalla sua seconda moglie, Aleida March. Nata il 24 novembre 1960, oggi lavora presso l’ Ospedale Soler Children di William all’Avana ma vanta esperienze in ospedali di tutto il mondo: in Angola, Ecuador e Nicaragua. È stata un’attiva sostenitrice dei diritti umani e della riduzione del debito per le nazioni in via di sviluppo. È l’autrice del libro “Chávez, Venezuela e New America Latina“. A partire dal 2009, Aleida Guevara aiuta a gestire due case per bambini disabili a Cuba e altre due per bambini rifugiati con problemi domestici. Come pediatra specializzata in allergie infantili, è stata anche coinvolta nel supporto medico di una comunità nella zona allagata di Rio Cauto, nella parte orientale di Cuba, mentre ha annunciato piani per lavorare sull’isola della gioventù, che è stata devastata da diversi uragani del 2008 .

CONDIVIDI
Silvano Treccani
Nato a Leno nel 1964 lavora presso Cassa Padana Bcc dal 1995. Le sue grandi passioni sono la musica, il cinema, la lettura e la corsa podistica. Rigorosamente in quest'ordine. E guai a cambiarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *