Cremona – La Festa della Fondazione Città di Cremona prosegue il proprio programma con la mostra di Virginio LiniLa Fine dei Tempi”.

L’ultima opera del pittore di San Daniele Po, tre pannelli di olio su tela per una lunghezza e un’altezza complessive di 8,40 e 3 metri, resterà aperta al pubblico fino a venerdì 5 gennaio.

Come quarto appuntamento della Festa della Fondazione, la mostra fissa sulla tela il momento esatto prima dell’Apocalisse, quando i buoni e i cattivi si dividono. Un lavoro che si ispira al Giudizio Universale di Michelangelo, agli affreschi di Signorelli nel Duomo di Orvieto e all’opera di Géricault La zattera della Medusa.

Il quadro di Lini in esposizione a Palazzo Fodri ha richiesto due anni di lavoro. In stile figurativo, sui tre pannelli l’autore ha ricercato una continuità tra l’arte classica e quella contemporanea. Curatrice della mostra Tiziana Cordani, la responsabile del patrimonio artistico della Fondazione Città di Cremona.