di Cristina STRABUCCO Casali

Brescia – Ho sempre saputo che prima o poi sarei diventata una VIP e adesso lo sono. Certo, quando ero adolescente sognavo di diventare una Very Important Person di quelle paparazzate con le foto sulle riviste patinate e non nel senso di entrare a far parte dell’associazione VIVIAMO IN POSITIVO. Ma la vita ci riserva sempre delle sorprese.

E’ da alcuni anni che faccio parte di Risvegliati Vip Brescia Onlus, un’associazione che ha come unico scopo far sorridere adulti e bambini e, in particolare, andando negli ospedali a portare la terapia del sorriso, la clown terapia, ai degenti, piccoli e grandi.

Attraverso una selezione e un successivo corso di formazione full immersion sono diventata un Claun di Corsia, con la “au” perché noi non siamo clown professionisti ma claun volontari. La formazione è costante e continua e riguarda molti aspetti di questa forma di volontariato, che va dall’igiene e il comportamento in ospedale a come proporsi con gags e trucchi di micro magie varie e molto altro. Ogni volontario ha un proprio nome claun e in Italia ci sono poco meno di 3.000 claun volontari che fanno parte di Vip Italia ed io sono STRABUCCO.

Da quando ho conosciuto gli altri claun di Vip Brescia sento di aver trovato una seconda famiglia. Ogni incontro è un arricchimento come volontario ma soprattutto come persona. Le sensazioni, le emozioni, gli abbracci e le energie positive che ricevo sono sempre qualcosa che non si possono spiegare a parole.

Mi sono riscoperta come persona. Temevo di non riuscire a diventare un bravo claun per colpa dei miei limiti fisici, ma ho compreso, grazie a tutti i miei compagni, fratelli e sorelle di naso, che quelli che consideravo ostacoli sono solo mezzi per mettermi alla prova e cercare di trovare un modo alternativo di fare le cose.

Ho capito che il bello di usare il naso rosso è anche di potersi concedere il lusso di fare cose che normalmente nella vita mai si farebbero, di concedersi la possibilità di lasciarsi andare e fidarsi degli altri, di far sfogare le proprie emozioni e, nel caso, anche i propri pianti, che la famiglia dei nasi rossi è lì per sorreggerti e non per giudicarti. Sono felicissima di essere parte di questo meraviglioso gruppo di straordinarie persone che cercano di vivere come me, con la voglia di vedere il mondo in positivo.

Vip Brescia non solo si occupa di servizi negli ospedali di Esine, Cremona e Brescia, ma si dedica anche ad altre associazioni… Noi non chiediamo soldi e quello che facciamo lo facciamo col cuore. Certo nel sito oltre alle informazioni c’è anche l’ IBAN, ma solo per eventuali contributi di beneficienza poiché l’associazione si autofinanzia per sostenere le spese di affitto dei locali dove si fanno gli incontri di formazione, per acquistare i palloncini e altro materiale necessario e per il RisveGiornalino, una rivista gestita da volontari claun che regaliamo in ospedale ai bimbi quando visitiamo le stanze.

Nel sito trovate anche una bellissima foto scattata al corso base di formazione per i nuovi claun. Ma la priorità e le maggiori energie positive sono riservate ai servizi in ospedale: anche se sono claun alle prime armi mi sono sentita (quasi) subito pronta per affrontare i reparti dell’ospedale di Cremona e di Brescia. Sono state due splendide esperienze che mi hanno regalato un sacco di emozioni e sorrisi.

Per sempre ricorderò quando, insieme ai miei amici claun Pomellina e Pastisù, abbiamo timidamente fatto capolino in una stanza dove bambino ricoverato e mamma stavano piangendo e dopo un po’ di magie e battute ci siamo congedati ed entrambi ridevano.

Questo è lo scopo: alleviare un po’ la sofferenza di chi è ricoverato e di chi accompagna. E vedere sorridere un bambino e la mamma, il papà, la nonna, la zia, la sorella per merito mio è un regalo immenso e indescrivibile. Ricorderò sempre anche i piccoli di Brescia che io, Karamel, Elfo, Finferla, Chietta e Honey abbiamo intrattenuto domenica scorsa. Questi sono i primi servizi e i primi ricordi di una lunga, lunga, lunga carriera claun. Riflettendo, forse, sono queste le VIP Very Important Person che andrebbero messe sui giornali.