Brescia. È candidata a divenire una meta ideale per le due ruote, un paradiso ciclabile con una moltitudine di itinerari pensati per tutti, dai più impegnativi alle famiglie. La Greenway ciclabile della Valle Trompia e Valle Sabbia si snoda per 3.500 km aperti al cicloturismo con 2 percorsi per 75 km, alle bici da strada 24 per 140 km e alle mountain bike 48 per 1.400 km. Tra percorsi adrenalinici e slow, punti di interesse paesaggistico e culturale e accoglienti strutture ricettive bike-friendly, la Greenway è la meta bike ideale.

A poca distanza da Brescia, la Valle Trompia si apre su un meraviglioso paesaggio prealpino, che dalla Pianura Padana lungo il fiume Mella sale fino a raggiungere la vetta del maestoso Monte Maniva. Nota per la sua lunga tradizione mineraria e siderurgica, è oggi un vivace polo culturale che rispetta e tramanda la sua tradizione. A tua disposizione 21 percorsi per una pedalata “in quota” o per un tour cicloturistico alla scoperta di scorci verdissimi e dei suoi numerosi prodotti tipici.

Attraversata dal fiume Chiese a ridosso delle Alpi Giudicarie, la Valle Sabbia è una terra accogliente e dal grande patrimonio ambientale, affacciata sullo splendido bacino prealpino del lago d’Idro. La Greenway rende le sue rocche e i suoi borghi storici a portata di bicicletta, permettendo ai ciclisti di godere del suo patrimonio archeologico quanto di un piacevole tour del lago, per un’escursione unica in grado di unire natura e cultura. A tua disposizione 27 percorsi mountain bike e più di 45 km per il cicloturismo.Il progetto della Greenway fa parte di un più ampio progetto delle Valli Resilienti che ha per protagoniste le alte valli Trompia e Sabbia, in provincia di Brescia, per un totale di 25 Comuni. Si tratta di un territorio periferico, che si sta spopolando e sta perdendo la capacità di attrarre persone e risorse, economiche e ambientali. Ma la crisi legata all’ impoverimento e alla frammentazione del tessuto sociale, può essere superata grazie a processi virtuosi di sviluppo e partecipazione. Il progetto Valli Resilienti, realizzato nell’ambito del programma AttivAree di Fondazione Cariplo intende dare nuova vita a questi territori valorizzandone le potenzialità culturali, storiche ed ambientali.

La “visione” è creare una rinnovata identità locale, attraverso la riappropriazione dell’alta Val Trompia e alta Val Sabbia da parte dei loro abitanti, in termini partecipativi e di comunità attiva.  L’obiettivo è dar vita a un sistema locale integrato, attrattivo e capace di creare un ponte verso la città, soprattutto nei confronti dei poli urbani limitrofi, in particolare Brescia, aree dei laghi di Garda e d’Iseo.Il progetto per 2 anni di lavoro prevede un insieme integrato di attività intersettoriali sintetizzate  nei driver Valli Smart, Valli Solidali, Valli Collaborative, Valli Viventi. Valli Resilienti è quindi un’opportunità unica per l’area per mobilitare la comunità locale, valorizzando le risorse del territorio in un processo collettivo e diffuso di ridefinizione della propria identità locale, lasciando quindi al territorio sia risultati tangibili, che intangibili.

Alle due Comunità Montane di riferimento si affiancano una serie di partner privati del terzo settore, che sono attivi nell’area, e che fanno capo al Consorzio Valli e al Consorzio Laghi. Oltre a questi soggetti, che sono stati impegnati nella coprogettazione e che cureranno gli interventi previsti dalla strategia, vi sono una serie di stakeholders (interni ed esterni all’area) che hanno preso parte all’azione di progettazione e si pongono come soggetti della rete mobilitata attraverso il programma.