Regione Lombardia mette in campo un pacchetto da oltre 60 milioni di euro per favorire la ripartenza delle imprese.

A sostegno del settore commercio è stato annunciato il nuovo bando Distretti del Commercio con una dotazione di 22,5 milioni di euro rivolto a partenariati pubblico-privati. Sono interessati in particolare i Comuni e le Pmi del settore somministrazione e commercio al dettaglio, nonché le attività legate a logistica e trasporto. Gli incentivi previsti sono a fondo perduto.

La misura “Safe Work” dispone di 18,6 milioni di euro per favorire la riapertura in sicurezza nella fase 2. L’intervento riguarda i settori del commercio al dettaglio, dei pubblici esercizi (bar e ristoranti), dell’artigianato, del manifatturiero, dell’edilizia, dei servizi e dell’istruzione. Sono escluse le aziende che hanno proseguito l’attività e quelle che hanno deciso di introdurre il lavoro agile per tutti i dipendenti. Prevede un contributo a fondo perduto fino a 25 mila euro, nel limite del 60% delle spese ammesse per le piccole imprese e fino al 70% delle spese per le micro imprese.

Per riconversioni e ampliamenti finalizzati alla produzione di dispositivi medici ci sono invece 10 mln di euro. La misura si rivolge alle imprese operanti nei settori del manifatturiero e dell’artigianato, con contributi a fondo perduto fino al 75 per cento della spesa ammissibile con un massimo di 200 mila euro.

Infine 5 milioni di euro fanno riferimento al Bando Faber per gli investimenti delle Piccole imprese.

Sono inoltre allo studio della Giunta regionale nuove misure a sostegno del tessuto produttivo.