Tempo di lettura: 2 minuti

Trento. Laboratori interattivi, dialoghi scientifici, concerti onirici e spettacoli a tema lunare: il 20 luglio è una di quelle date da segnare in agenda. Il Muse compie sei anni e, come da tradizione, organizzerà una grande festa d’estate.

Un’occasione per una gita al Muse, il museo della scienza di Trento nato con il compito di interpretare la natura, a partire dal paesaggio montano, con gli occhi, gli strumenti e le domande della ricerca scientific​a, cogliendo le sfide della contemporaneità, invitando alla curiosità scientifica e al piacere della conoscenza per dare valore alla scienza, all’innovazione, alla sostenibilità.

Ma ricorre anche il 50° anniversario dello sbarco sulla luna: era il 20 luglio 1969 (le prime ore del 21 luglio in Italia) quando Neil Armstrong e Buzz Aldrin si posarono sul suolo lunare compiendo una missione a dir poco eccezionale nella storia dell’umanità.

Un doppio anniversario che il Muse non poteva non festeggiare insieme a tutti con un ricco programma di appuntamenti, tra attività educative, performance artistiche, talk tra scienza e filosofia e scatenati dj set, che animerà sia gli spazi interni che il grande giardino del museo fino alle 2 di notte.

Sarà peraltro l’occasione per inaugurare la nuova mostra temporanea, Cosmo Cartoons, dedicata alle esplorazioni spaziali partendo da un punto di vista insolito, quello dei fumetti, della letteratura, del cinema e dei videogiochi.

Dalle 16 alle 2 di notte performance e giochi spaziali, l’inaugurazione della mostra “Cosmo Cartoons”, il talk tra scienza e filosofia con Guido Tonelli e Stefano Zecchi, il concerto dei Pink Sonic e dj set con ReacTj.

Un pomeriggio e una serata speciali per celebrare i 50 anni dallo sbarco del primo uomo sulla Luna: un momento di cruciale importanza per la scienza e per l’uomo che il Muse ricorda con una festa speciale che si svilupperà principalmente in quattro momenti.

Il pomeriggio sarà tutto disegnato attorno alle famiglie: giochi all’aria aperta, esperimenti, simulazioni spaziali e piccole grandi sorprese animeranno il giardino e le sale del museo a partire dalle 16. La sera, sulla facciata del Muse, racconteremo da vicino la Luna grazie alla collaborazione con la Rai locale, che metterà a disposizione dei filmati originali dello sbarco sulla Luna trasmessi nel 1969, e al dialogo tra il fisico Guido Tonelli e il filosofo Stefano Zecchi.

A seguire andrà in scena lo spettacolo musicale dei Pink Sonic, ispirato alle sonorità dell’album The dark side of the moon. E per chi si lascerà conquistare dalla notte del Muse, fino a tardi, il giardino del museo si trasformerà in un dancefloor di luce e musica ipnotica con uno speciale dj set.

Durante tutta la durata dell’evento, sarà possibile cenare all’aperto grazie ai food truck presenti per l’occasione. Il programma completo.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *