Tempo di lettura: 2 minuti

Chiari, Brescia. La diciannovesima edizione della Microeditoria  inaugrà ufficialmente Venerdì 25 giugno ma che di fatto non ha mai smesso di esistere durante l’annata straordinaria di Chiari Capitale italiana del Libro. Dal 25 al 28 giugno sono in programma numerose iniziative al motto “Galeotto fu ‘l libro” per dare lustro a questa specialissima edizione in versione estiva.

Anticipatrice di tendenze oltre che testimone fedele dei fermenti culturali la rassegna promossa dall’associazione culturale L’Impronta, in collaborazione con vari enti, sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura, sin dalla sua nascita cerca di rendere la lettura protagonista esplorando, tra passione e professione, dove, quando e come si comunica il libro. Ma i nomi da soli non bastano a fare la kermesse di Chiari senza che vi siano eventi contenitori come il primo Premio nazionale del libro e della lettura che si terrà lo stesso venerdì di “apertura lavori” alla presenza di Cappello e Sinibaldi rispettivamente direttore e presidente del Centro per il Libro e la Lettura, oppure ancora il primo Forum nazionale dei Book influencer previsto per sabato 26.

Protagonisti  i libri, gli autori, i blogger, appunto tutti quei bookinfluencer che ormai sono punti di riferimento per tanti lettori ed editori. E lo sono diventati, in parte, anche per quei Gruppi di lettura “portatori sani di varianti”, che , sempre sabato 26 dalle ore 10, si riuniranno per discutere insieme della lettura “condizionata” dalla situazione pandemica.

A proposito di ripercussioni covid e dintorni, l’edizione 2021 presenta due ritorni “dirompenti”, visti i tempi che viviamo: il ritorno degli espositori con circa 70, disposti in totale sicurezza all’interno del Parco di Villa Mazzotti e quello degli ospiti “in presenza” presso gli spazi verdi della Villa, location ideale per scegliersi in tranquillità anche i libri da leggere per l’estate.

Tanti sono i generi da cui poter trarre ispirazione e che come sempre si intrecciano alle storie raccontate dai numerosi ospiti, contesi per la loro unicità nel panorama letterario. Anche sul versante della fruizione alcune cose sono cambiate per questa edizione, la “sbornia da tecnologie covid” non rimarrà senza traccia, anche perché autori, editori, pubblico, nel corso di quest’anno hanno saputo discernere fra le qualità o meno del comunicare virtualmente.

Grandi e piccoli eventi si mescolano all’insegna della poliedricità, coinvolgendo spazi, ben oltre la Villa. La Città di Chiari ci invita a passeggiare anche nel suo bellissimo centro storico, che si svolge in forme concentriche come i gironi danteschi, a scoprire il murales realizzato per Capitale del Libro in stazione e l’arredo artistico di Piazza Zanardelli. A proposito di gironi, evocati dal tema scelto per il 2021  “Galeotto fu ‘l libro….”, saranno proprio i versi danteschi ad aprire ognuno dei 50 appuntamenti in programma.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.