Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’orrore dei campi di concentramento, la musica dei prigionieri ha continuato a suonare, ad essere pensata, immaginata e scritta.

I detenuti musicisti nonostante le privazioni, l’orrore e la morte hanno trascritto note e brani su materiali di fortuna, carta igienica, carta di formaggio, quaderni di scuola, sacchi di iuta rivoltati, giornali, carta gommata.

E Francesco Lotoro, pianista pugliese, ha iniziato a raccogliere questo materiale nel 1990; in 24 anni di lavoro ha recuperato oltre 4 mila opere e 13 mila documenti che fanno riferimento a musiche scritte nei campi di concentramento d’Europa, Africa settentrionale, Asia, Oceania, Usa e Canada fra il 1933 ed il 1945.

La musica raccolta ed interpretata da Lotoro e dalla sua orchestra – Orchestra musica concentrationaria – proviene da prigionieri di tutte le nazionalità e di tutte le confessioni religiose. Oltre 1.600 i musicisti riscattati, 624 campi di internamento, transito, concentramento e sterminio recensiti.

Ora Lotoro ha iniziato a pubblicare una serie di volumi, il Thesaurus musicae concentrationariae perché – racconta a Scarp de’tenis “era arrivato il momento di dare a tutta questa produzione musicale il carattere di letteratura che gli spetta”.

La raccolta contiene anche “tutti i profili biografici dei musicisti ritrovati, le loro storie dentro e fuori dal campo. Ogni volume è in quattro lingue: tedesco, italiano, francese, inglese”, un modo per raccontare la storia di queste persone e non lasciar cadere nell’oblio il loro impegno e le loro opere.

“Un giorno si potrà suonare questa musica come se fossero note di Mozart o Beethoven. Non vedrò i frutti di questo lavoro, ma so che andava fatto”.

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.