Tempo di lettura: 3 minuti

La porta di una parrocchia, generalmente, non è la prima a cui viene in mente di bussare quando si cercano consulenze per l’impresa. Specialmente se l’impresa in questione è una start-up, ovvero un’attività nascente, meglio ancora se giovane, snella e con qualche elemento d’innovazione tecnologica e sociale al suo interno.

Ma è stata proprio una congregazione religiosa, quella dei Giuseppini del Murialdo di Torino, a dar vita al primo centro d’innovazione sociale sul territorio italiano.

Nato in via informale nel 2012, due anni fa il progetto è stato varato ufficialmente in forma di srl con il nome di Social Fare: a idearlo è stato Don Danilo Magni, parroco e startupper seriale, che ha tenuto a battesimo alcune tre le imprese sociali più solide che si siano affacciate sul mercato sabaudo negli ultimi tempi.

“Tutto è partito dai nostri corsi per l’inserimento lavorativo“ spiega Magni. “Con la crisi, è diventato sempre più difficile far entrare i giovani nel mercato del lavoro; così, guardandoci attorno, a un certo punto abbiamo realizzato che, in certe condizioni, per un giovane fare impresa è più facile che trovare un impiego”.

La prima azienda a germinare dal Murialdo è stata il gruppo Spes, storica pasticceria che nel 2012 ha riaperto i battenti nella nuova veste di cooperativa sociale, e che produce cioccolato attraverso una rete di punti vendita e laboratori che passa anche per il carcere minorile di Torino.

Col tempo, poi, è stato il turno di progetti più marcatamente innovativi: un’azienda multiservizi, una piattaforma di commercio elettronico e un software per la gestione dei flussi di social housing.

Nel frattempo, Don Danilo e i suoi hanno iniziato a visitare centri di innovazione sparsi per il globo, a partire da quello canadese di Toronto; dando vita in questo modo a una rete di partner internazionali dalla quale è poi germogliata un’altra esperienza appena partita a Torino.

Si chiama “Rinascimenti sociali”, e i suoi uffici, da poco inaugurati, si trovano in via Maria Vittoria: qui, da qualche settimana, un gruppo di consulenti, esperti in nuove tecnologie e ingegneri gestionali sta applicando al mondo del privato sociale l’insieme di strumenti tecnologici, progettuali e giuridici che vengono generalmente utilizzati per lo sviluppo delle start-up.

In altre parole, nel capoluogo sabaudo è appena nato il primo acceleratore d’impresa dedicato al mondo del welfare: una struttura in cui le imprese sociali ricevono assistenza nelle fasi di progettazione, sviluppo o riposizionamento.

“Sostanzialmente – spiega la direttrice Laura Orestano – ci muoviamo lungo tre direttive principali: tecnologia, finanza e internazionalizzazione. Ci rivolgiamo quindi ad aziende che vogliono sviluppare idee basate sull’innovazione tecnologica, espandersi verso l’estero o riposizionare una parte delle loro attività, cogliendo le opportunità offerte dal welfare e dal terzo settore”.

“Opportunità”, in effetti, sembra la parola chiave adatta a descrivere il progetto; e in questo senso parlano chiaro i numeri di Social Fare, struttura che costituisce l’asse portante di “Rinascimenti sociali”: a tre anni dall’inizio delle attività, le start up germinate al Murialdo hanno un tasso di sopravvivenza del cento per cento. Vale a dire che tutte le aziende lanciate sono ancora vive e prospere.

“Probabilmente è ancora presto per fare bilanci definitivi– spiega Don Danilo – ma se si considera che il periodo critico di ogni nuova azienda è quello dei primi due anni, direi che c’è da essere ottimisti”.

“Nei nostri uffici – continua Orestano – sta arrivando un gran numero di giovani, che portano con sé idee estremamente innovative. La nostra struttura rappresenta il punto d’incontro tra innovazione tecnologica, imprenditoria sociale e servizi alla persona: è così che nascono idee come quella della badante di condominio, che è stata da poco lanciata a Milano.

Dal canto nostro abbiamo numerosi progetti in fase di sviluppo, che verranno lanciati nel prossimo futuro: oltre a “Come up”, il software per la gestione del social housing, c’è “Sapori sociali”, una piattaforma di e-commerce sul modello di Amazom, che metterà in vendita i prodotti alimentari delle imprese sociali, saltando così l’intera filiera intermedia, con un notevole risparmio sul prezzo finale”. 

CONDIVIDI
Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.