Tempo di lettura: 2 minuti

Sabbioneta, Mantova. La storia di Sabbioneta è stata indagata da un gran numero di studiosi la maggior parte dei quali però ha limitato l’indagine al periodo cinquecentesco quando Vespasiano Gonzaga trasformò un vecchio villaggio medievale in una capitale.Sabbioneta_Credits Comune di Sabbioneta

La storia della Città tuttavia è molto più antica ed ha attraversato tutte le fasi delle vicende umane a partire dalla preistorica Età del Bronzo; queste epoche però sono molto meno conosciute di quella Rinascimentale.

Per contribuire a colmare questa lacuna l’Associazione Pro Loco, che da decenni si impegna per divulgare la conoscenza della storia locale, organizza nell’Aula Magna di Palazzo Forti, venerdì 23 novembre alle ore 20:45, la conferenza “Breve viaggio nella preistoria” dedicata alle origini di Sabbioneta e del suo territorio.

Dall’età del bronzo, alla nascita dell’agricoltura, dell’allevamento e i loro sviluppi nel tempo e nello spazio. Relatori saranno Sergio e Antonio Anghinelli, viadanesi, ispettori onorari della soprintendenza ai beni archeologici della Lombardia che, attraverso la proiezione di diapositive, illustreranno le vicende degli insediamenti nella preistoria partendo dal Nord Italia per arrivare alle nostre zone.

Aspetti storici, economici e culturali del territorio compreso tra i fiumi Oglio e Po nel periodo compreso tra il Neolitico e l’età romana. In particolare nel territorio del comune di Sabbioneta molti ritrovamenti testimoniano la presenza umana fin dalle epoche più remote e la città murata attuale sorge su un’area che attorno al 1400 a.c. circa era uno stanziamento di grandi dimensioni. Alla stessa epoca risalgono ritrovamenti in località vicine come Belforte, Bellaguarda, Cogozzo, Fossacaprara, Piadena, Poviglio, San Martino dall’Argine e Viadana.

La conferenza, coordinata da Alberto Sarzi Madidini, rientra nelle iniziative organizzate per l’ottantesimo di fondazione della Pro Loco; la partecipazione è libera, gratuita e aperta a tutta la cittadinanza.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *