Tempo di lettura: 2 minuti

Reggio Emilia. È un romanzo per ragazzi che ricostruisce la vita esemplare della famiglia Cervi, fino al plotone d’esecuzione del 28 dicembre 1943, il libro “La Resistenza dei sette fratelli Cervi” che verrà presentato lunedì 26 febbraio alle ore 17,30 presso la libreria all’Arco di Reggio Emilia, in via Emilia Santo Stefano 3/d. 

Saranno gli autori Annalisa Strada e Gianluigi Spini a presentare la loro opera per ragazzi, una storia che inizia con la scelta di Alcide e Aldo di lasciare la mezzadria per intraprendere una nuova vita da fittavoli. Una decisione nata dall’indomita ricerca della libertà e fortificata dalla certezza di aver acquisito, con uno studio autonomo e incessante, le conoscenze utili per far prosperare la terra. Una storia in cui le scelte di lavoro concretizzano le idee politiche e le rafforzano, mettendo la famiglia Cervi al centro della lente d’ingrandimento di un regime che fa sempre più fatica a sostenersi e sfoga nella repressione sanguinosa i propri ultimi sussulti.

L’incontro sarà presieduto da Albertina Soliani, Presidente dell’Istituto Alcide Cervi. Interverranno la professoressa Roberta Cardarello (docente di Didattica e Pedagogia Speciale all’Università di Modena e Reggio Emilia) e il dottor Vinicio Ongini (Direzione Generale per lo studente e l’integrazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).

Sette fratelli, una famiglia unita che si allarga con i matrimoni e la nascita dei figli. Una campagna da lavorare per mettere in pratica i propri ideali di libertà e di emancipazione umana. Un regime perdente che sferra il suo letale attacco il 28 dicembre 1943, uccidendoli ma non riuscendo a soffocare il loro esempio. Una famiglia eroica ed esemplare, diventata il simbolo di tutto il movimento di Liberazione.

Annalisa Strada (Brescia, 1969) vive e lavora in provincia di Brescia. Inizia a scrivere libri per ragazzi dopo un lungo periodo di servizi editoriali. Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti.

Gianluigi Spini, nato a Brescia, 1952, si è occupato di teatro e di animazione teatrale nelle scuole per oltre quarant’anni come fondatore e responsabile della Compagnia Teatrale “La Ginestra”. Ha scritto testi teatrali e interpretato film indipendenti che hanno partecipato a numerosi concorsi aggiudicandosi vari premi. Scrive libri per ragazzi e nel 2011 ha vinto il Premio Arpino.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *