Tempo di lettura: 2 minuti

La mostra di Van Gogh a Padova sta gongolando. Non appena è stata ufficiale la notizia che buona parte dell’Italia sarebbe diventata zona gialla e che mostre e musei l’1 o il 2 febbraio avrebbero riaperto, il centralino di Linea d’Ombra, che organizza la mostra padovana, sono stati presi d’assalto.

Centinaia di orfani di mostre e musei hanno chiamato per prenotare la visita. Chissà mai che fra una, due o tre settimane si ritorni chiusi fra arancione e rosso.

Non solo Van Gogh. Un po’ tutti i centralini dei musei italiani oggi hanno trillato di felicità. Tutta l’Italia alla ricerca della bellezza. Che ci è mancata tanto, inutile negarlo, e che vorremmo non riperderla più.

Dopo la lunga chiusura avvenuta nel rispetto delle disposizioni nazionali emesse per l’emergenza sanitaria, riaprono anche i Musei Civici di Cremona. L’accesso al pubblico sarà consentito sino ad un massimo di 10 persone. Per questo motivo è vivamente consigliato prenotare la visita in modo da evitare attese.

L’apertura degli spazi espositivi sarà scaglionata su alcuni giorni.

Il primo accesso sarà possibile martedì 2 febbraio, alle ore 16, solo per la visita guidata per ammirare il dipinto Madonna dell’Itria di Sofonisba Anguissola, appena restaurato nel laboratorio della Pinacoteca “Ala Ponzone”. Altre visite guidate a quest’opera saranno possibili da mercoledì 3 febbraio a martedì 9 febbraio, alle 11 e alle 16 (ingresso ridotto 5 €).

Da mercoledì 3 febbraio si potrà tornare al Museo Archeologico San Lorenzo che osserverà i seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle 10 alle 17 (tel. 366 6673881 – [email protected]).

Sempre mercoledì 3 febbraio riapre il Museo di Storia Naturale dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17 (tel. 0372 407768 – [email protected]).

Anche il Museo della Civiltà della Civiltà Contadina “Il Cambonino Vecchio” riapre mercoledì 3 febbraio: dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13 (tel. 0372 560025 – [email protected]).

Infine, dall’8 febbraio si potrà tornare a visitare la Pinacoteca e la mostra Orazio Gentileschi – La Fuga in Egitto e altre storie (prorogata sino al 15 aprile) dalle 10 alle 17 dal lunedì al venerdì (tel. 0372 407770 – [email protected]).