Tempo di lettura: 3 minuti

Collecchio, Parma. La sua università è stata la pianura, l’argine del Po, i campi. Poi il latte e il vagare da paese in paese a seguito del lavoro del padre casaro, Serafino Valla incarna nel suo spirito tradotto in arte l’anima di quel lembo di terra reggiana e parmense a cavallo del grande fiume.  La saga di un pittore e di un grande interprete degli animi della vita contadina espressa in forma naif.

“La solitudine dell’angelo” è il titolo della mostra antologica dedicata  ai cento anni dalla nascita di Serafino Valla, a cura di Gianmarco Puntelli,  al centro culturale Villa Soragna, dal 31 marzo al 1 maggio, per poi trasferirsi alla Galleria Lacke & Farben di Berlino.

Da bambino, si racconta,  causa forse il vagare in un continuo San Martino, nella scuola si sentiva sempre più isolato. I compagni, ritenendolo un po’ strano, lo escludevano dai giochi. Per uscire da questo accerchiamento, si avvalse della sua facoltà di esprimersi con le immagini, un linguaggio figurativo nel quale sintetizzava pensieri e sentimenti. Provava una grande gioia quando la maestra appendeva i suoi disegni alle pareti dell’aula.

Pittore, scultore, poeta in una vita segnata da drammatiche vicende, guerra al fronte russo compresa, ma confortata dalla passione per l’arte e la filosofia, il piccolo bimbo reietto della scuola, autodid atta diviene un artista  di taratura internazionale. La storia semplicemente complessa dell’uomo fra poesia dell’anima e filosofia della mente, arrivando a trovare una sua forma unica, espressiva  e molto personale.

Scrive Giammarco Puntelli curatore della mostra: “Serafino Valla, un maestro, l’autore di un’arte che descrive il senso della vita, miscelando sapientemente e con istinto, poesia e filosofia. Una pittura, apparentemente semplice, consegna alla storia e agli uomini tutto ciò che riguarda il pensiero, leggero e profondo, dell’incontro e del dialogo. Nella mostra internazionale di Berlino porteremo una parte dell’antologica, per un evento non esaustivo ma determinante per comprendere l’iter di Serafino Valla.

Sarà un percorso nella storia e per la storia l’antologica di Collecchio, dove portiamo simboli, narrazioni, aforismi dell’uomo internazionale e saggio, le presenze e i silenzi di un maestro dell’arte contemporanea. Nel percorso delle mostre, presentato a La Notte delle Stelle di Berlino, quella traccia che unisce nel cielo le stelle come parte del cammino dell’uomo: in questo caso un uomo con il cappello che vive nel mondo avendo pieno focus e attenzione a ciò che avviene nel suo animo e nel suo spirito.

Ecco i momenti di alta spiritualità, di commuovente poesia, della filosofia semplice e profonda di un personaggio che vive la realtà dei luoghi della pianura padana. Ricordiamoci altresì che sulle scene del teatro di Serafino Valla, i personaggi, dal seminatore all’uomo in contemplazione, rappresentano il genere umano di ogni tempo e di ogni luogo. Il seminatore sarà uno dei simboli d’arte della grande mostra istituzionale in Expo 2020, un seminatore che rappresenterà nazioni, Paesi e popoli.

Serafino Valla ha lasciato un’eredità artistica e culturale straordinaria perché è cosa magica e, appunto straordinaria, osservare le sue opere e scoprire, rappresentazione dopo rappresentazione, la storia semplicemente complessa, in costante equilibrio precario, dell’uomo fra poesia dell’anima e filosofia della mente. Il tutto risolto nella luce del cuore.”

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *