Tempo di lettura: 3 minuti

Travagliato (Brescia) – Venerdì 28 settembre nella sede della cooperativa “Il Vomere” è stato presentato il volume del prof. Giovanni Quaresmini “I Francesi a Travagliato. La spedizione in Murmania. Cronache dalla Prima Guerra Mondiale”, co-edizione Civiltà BrescianaMassetti Rodella.

Il libro costituisce un grande affresco di Travagliato negli anni della Grande Guerra. I testi sono arricchiti con oltre 170 foto e cartoline dell’epoca, inoltre vi compaiono alcune centinaia di nomi di travagliatesi coinvolti in misura diversa nel conflitto che proiettò il paese sulla stampa internazionale .

Infatti, sia i giornali francesi Pages de Gloire, L’Instantané, Le Pèlerin, Le Petit Journal, che il giornale americano The New York Times Mid-Week Pictorial pubblicarono foto di Travagliato raffiguranti l’arrivo e la permanenza delle truppe francesi a Travagliato. “Per me è stata una grande emozione ritrovare il mio paese nelle pagine dei giornali di un secolo fa e immaginare quella degli abitanti di quel tempo di fronte agli avvenimenti che li coinvolgevano”- afferma il prof. Giovanni Quaresmini.

Nel contempo, i saluti inviati da due soldati travagliatesi (Paolo Alberti e Libero Bodini) dalla remota Murmania hanno costituito l’occasione per approfondire la missione alleata in quella glaciale regione russa, missione che si concluse alla fine di agosto del 1919.

Un capitolo è dedicato ai “Ragazzi del ‘99” e del ‘900 che furono precettati quando ancora non avevano 18 anni (“i travagliatesi guardarono impietositi queste giovanissime reclute alloggiate nel presidio militare fare le esercitazioni nella piazza del paese”).

Inoltre, diverse cronache di quegli anni sondano le difficoltà nelle quali piombò il paese a causa della guerra. Ne emerge lo stato di bisogno in cui si trovarono numerose famiglie per il richiamo alle armi dei loro congiunti e, in particolare, la carenza di braccia robuste per i lavori nei campi che ricaddero su donne, anziani e ragazzi.

Una storia vista dalla parte degli umili che con la guerra si trovarono in condizioni ancora più precarie: basti pensare alla persistenza della pellagra e all’epidemia di “spagnola” che nel 1918 causò più morti della guerra.

Nel libro si pubblicano gli elenchi dei resoconti pagati ai congiunti dei militari chiamati alle armi: si tratta dei genitori o delle mogli con i figli che con la partenza del figlio o del marito per il fronte si trovarono senza i mezzi di sussistenza.

Nel libro vi è tanto altro ancora: le iniziative del 1919 che è un anno cruciale per questa località bresciana (fondazione del ricovero vecchi) , riapertura del mercato, fondazione dell’Aurora Travagliato, riapertura dell’oratorio che era stato requisito per motivi militari, fondazione dell’associazione combattenti, l’acquisto della farmacia Franchi da parte del Comune, la nomina dei primi direttori della farmacia comunale, la ricostituzione della banda musicale fondata nel 1840, la costituzione di una cooperativa agricola di produzione e di consumo, l’atto onesto di una bambina, l’incendio alla Cinaglia…), la difficile situazione della parrocchia durante la guerra a causa della partenza come cappellani militari dei due curati, la sottoscrizione per pro-oriente fondato da don Galloni.

Inoltre, un breve percorso intesse il periodo storico con l’attività dei parroci don Eugenio Cassaghi, don Umberto Sigolini e don Francesco Foglio, parroco nel Secondo Dopoguerra, ma che fu prigioniero nel corso del Primo conflitto mondiale.

L’introduzione è di mons. Antonio Fappani, presidente onorario di Civiltà Bresciana. Con l’autore interverranno il sindaco Renato Pasinetti, il parroco don Mario Metelli, la consigliera regionale Simona Tironi, Mario Gorlani, presidente Civiltà Bresciana, Marco Menni, presidente della Cooperativa “Il Vomere”, Eugenio Massetti, editore, e i rappresentanti della stampa bresciana: Claudio Baroni (Giornale di Brescia), Jacopo Manessi (Bresciaoggi) e Massimo Tedeschi (Corriere della Sera).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *