Brescia. La città diviene una grande tendone per ospitare la X edizione de “La Strada Festival” e il mondo del circo contemporaneo, con musica, teatro e danza urbani invade la vie e piazze del centro storico e in Castello.

Un’edizione, quella del decimo anno, ricca di eventi, che presenta, non solo alla città, ma a tutto il territorio un’offerta culturale ampia e variegata. In programma, tre giorni di spettacoli non-stop dal primo pomeriggio alla tarda serata, da venerdì 9 a domenica 11 giugno.

Ma il festival non termina l’11 giugno: prosegue nel fine settimana successivo, con artisti internazionali che si esibiranno nella meravigliosa cornice del Castello, nelle serate da giovedì 15 a sabato 17 giugno. 27 titoli per un totale di 39 spettacoli, dei quali due Prime Nazionali e ben cinque concerti.

La Strada non ha solo performance in cartellone: animano il festival anche convegni, focus, laboratori e installazioni posizionate nelle diverse location coinvolte dall’iniziativa. In apertura, il 9 giugno dalle ore 15.00 al MO.CA (Via Moretto, 78), si terrà un incontro gratuito e aperto a tutti, sul pubblico e sul circo contemporaneo, alla presenza di operatori nazionali e internazionali del settore.

Il primo momento sarà dedicato all’Audience Development, il secondo alla presentazione dell’Associazione Circo Contemporaneo Italia (A.C.C.I.), nata come rappresentanza di settore per promuovere quest’arte. A seguire, alle 19.30, brindisi con musica dal vivo in Largo Formentone.

Quest’anno il festival presenterà anche sei focus, ciascuno dei quali corrispondente a uno spettacolo. Il primo, Young Arab Choreographers, è frutto di una collaborazione interregionale ministeriale di diverse realtà al fine di creare una tournée per alcuni coreografi provenienti dal Medio Oriente. La Strada ospiterà una performance del danzatore libanese Bassam Abou Diab accompagnato dal musicista Samah Tarabay.

Nel secondo focus, il coreografo e danzatore Francesco Colaleo presenterà Re-garde, tra le pièce per spazi urbani vincitrici del bando Danza Urbana XL, azione del network nazionale Anticorpi XL. Progetto Trentesimo si esibirà nell’esito di un percorso interregionale di residenze artistiche, di cui anche C.L.A.P.Spettacolodalvivo fa parte.

Il quarto focus sarà incentrato sulla danza come punto di partenza per una possibile comunicazione tra sordi e udenti, By the Hand, di Fattoria Vittadini. Infine, il quinto e il sesto saranno rispettivamente sui temi del circo sociale, trattato da Be-On dell’etiope Fekat Circus e sullo scambio internazionale con la Fira Tàrrega.

Le attività collaterali sono aperte a tutti: in particolare, “La Stradina” include proposte gratuite dedicate ai bambini e si svolge domenica 11 giugno dalle ore 15.00 alle 17.00 in Piazza Loggia: comprende spettacoli di “piccolo circo” e discipline aeree e un laboratorio per i più piccoli, condotto dagli insegnanti di Spazio Danzarte.

Quest’anno le installazioni del festival sono state realizzate dagli studenti del corso di scenografia dell’Accademia di Belle Arti Santa Giulia sotto la guida dei professori Carlo Susa e Massimo Tantardini, sull’oggetto-simbolo de La Strada 10: l’impronta.