Tempo di lettura: 3 minuti

Cremona – La Vanoli vince e convince al PalaRadi superando d’autorità la Virtus Segafredo Bologna con il punteggio di 91-78. Coach Meo Sacchetti alla vigilia aveva chiesto ai suoi ragazzi di provare a correre e di farlo bene. Travis Diener e compagni l’hanno prontamente accontentato imponendo il ritmo a loro più congeniale per quasi tutta la partita.

A parte infatti un piccolo passaggio a vuoto sul finire del secondo quarto la Vanoli è sempre riuscita a correre bene il campo trovando tiri aperti ed efficaci contropiedi. Fin da subito i biancoblu hanno provato a prendere un buon margine di vantaggio arrivando sino al +14 (34-20) con la tripla di Marco Portannese al 13′. Un contro parziale di 3-15 della Virtus prima della pausa lunga, propiziato da quattro canestri di Slaughter e dalle ottime iniziative di Aradori, riporta i felsinei in partita (37-35 all’intervallo).

Dopo un inizio di ripresa equilibrato la tripla di Sims fa ritrovare inerzia alla Vanoli. Si accende Johnson-Odom che, prima che il parziale finisca, infila tre triple che portano nuovamente il vantaggio dei padroni di casa in doppia cifra (65-54 al 30′). L’ultimo quarto vede Cremona scappare grazie a Drake Diener che in un minuto mette a segno tre tiri da oltre l’arco (76-61). Bologna cerca di rientrare ma arriva al massimo al meno 9 (78-69) grazie a Umeh. Una tripla di DJO ed una di Ruzzier ristaboliscono però le distanze con la Vanoli che controlla sino alla fine e fissa il punteggio sul 91-78 con la schiacciata in contropiede di Darius Johnson-Odom.

Cremona trova la premiata ditta Diener&Diener in serata di grazia con Drake che chiude con 20 punti grazie al 6/7 da tre punti in 18′ e Travis che dipinge pallacanestro con i suoi 6 assist in 17′. Ma la vittoria biancoblu arriva ancora una volta grazie al collettivo con Johnson-Odom che si accende al momento giusto con 19 punti, 3 assist e 6 falli subiti, Fontecchio che ne mette 13 con 7 rimbalzi e Henry Sims che si fa trovare pronto su i due lati del campo capitalizzando una doppia doppia da 12 punti e 11 rimbalzi. Per Bologna il più costante su tutta la partita e Aradori che chiude con 12 punti e 7 rimbalzi, buono l’impatto di Slaughter che al momento dell’infortunio era arrivato a 12 punti e 5 rimbalzi in 14′. Lawson ne scrive 11 con 8 rimbalzi, tanti quanti ne cattura Alessandro Gentile che di punti ne segna 12 ma che fa registare anche il peggior plus/minus della sua squadra con -25.

Il dato a rimbalzo vede la Virtus prevalere 39-35. Cremona però gioca al suo ritmo e, distribuendo 19 assist, riesce a trovare molti tiri aperti da oltre l’arco segnandoli con alte percentuali. Diener e compagni provano ben 39 volte a tirare da tre punti mettendone 18 (46%). La Virtus si ferma al 28% (7/25). I bianconeri tirano di più e meglio da due – 28/47 contro il 13/30 della Vanoli – ma gli uomini di Sacchetti trovano ben 20 punti in contropiede. 106 a 73 il dato della valutazione finale per i biancoblu.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *